COREA DEL NORD. 23 missili contro Corea del Sud e Giappone

0

La Corea del Nord ha lanciato almeno 23 missili in mare mercoledì, tra cui uno che è atterrato a meno di 60 km dalla costa della Corea del Sud. Il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol ha descritto questo lancio come “sconfinamento territoriale”.

È stata la prima volta che un missile balistico è atterrato vicino alle acque del Sud da quando la penisola è stata divisa nel 1945 e il maggior numero di missili lanciati dal Nord in un solo giorno. La Corea del Sud ha fatto alzare in volo i suoi intercettori, riporta Reuters.

Nello specifico, il missile è atterrato al di fuori delle acque territoriali della Corea del Sud, ma a sud della Northern Limit Line (NLL), un confine marittimo intercoreano provvisorio.

Gli aerei da guerra sudcoreani hanno sparato tre missili aria-terra nel mare a nord della NLL in risposta, ha detto Seul. I lanci del Sud sono arrivati dopo che l’ufficio di Yoon ha promesso una “risposta rapida e ferma”.

«Il presidente Yoon Suk-yeol ha osservato che la provocazione odierna della Corea del Nord è stata un effettivo atto di invasione territoriale con un missile che ha invaso la NLL per la prima volta dalla divisione delle due Coree», ha dichiarato il suo ufficio in un comunicato.

Il missile era uno dei tre missili balistici a corto raggio lanciati in mare dalla zona costiera nordcoreana di Wonsan, ha dichiarato lo Stato Maggiore della Corea del Sud. Altri 14 altri missili di vario tipo sono stati lanciati dalle coste orientali e occidentali della Corea del Nord, almeno uno dei missili è atterrato a 26 km a sud della NLL, a 57 km dalla città sudcoreana di Sokcho, sulla costa orientale, e a 167 km dall’isola di Ulleung, dove è stato lanciato l’allarme aereo.

Pyongyang ha anche sparato più di 100 colpi di artiglieria dalla sua costa orientale in una zona cuscinetto militare stabilita in un accordo militare con il Sud, ha detto l’esercito della Corea del Sud.

L’apertura del fuoco viola l’accordo del 2018 che vieta atti ostili nelle zone di confine, ha dichiarato lo Stato Maggiore sudcoreano.

La Corea del Nord, dotata di armi nucleari, ha testato un numero record di missili quest’anno e i funzionari di Seoul e Washington affermano che il Nord ha completato i preparativi tecnici per condurre un test di arma nucleare per la prima volta dal 2017.

I lanci sono avvenuti poche ore dopo che Pyongyang ha chiesto agli Stati Uniti e alla Corea del Sud di interrompere le esercitazioni militari su larga scala, affermando che tali “imprudenze e provocazioni militari non possono più essere tollerate”.

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno iniziato lunedì una delle loro più grandi esercitazioni militari aeree combinate: Vigilant Storm, esercitazioni che coinvolgono centinaia di aerei da guerra di entrambe le parti che inscenano finti attacchi 24 ore su 24.

La Corea del Nord ha affermato che la raffica di lanci era una risposta alle esercitazioni degli alleati: Pak Jong Chon, segretario del Comitato Centrale del Partito dei Lavoratori della Corea del Nord, ha dichiarato in un comunicato che il numero di aerei da guerra coinvolti nella Vigilant Storm dimostra che l’esercitazione è “aggressiva e provocatoria” e ha come obiettivo specifico la Corea del Nord. Ha detto che anche il nome ha imitato l’Operazione Desert Storm guidata dagli Stati Uniti contro l’Iraq negli anni Novanta.

«Le mosse smodate delle forze ostili per il confronto militare hanno creato una grave situazione nella penisola coreana», ha dichiarato Pak ripreso da Kcna.

Interrogato sul lancio del missile, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha dichiarato che la salvaguardia della pace e della stabilità nella penisola è nell’interesse di tutti.

Il ministro della Difesa giapponese Yasukazu Hamada ha dichiarato che il governo ritiene che almeno due missili balistici siano stati lanciati dalla Corea del Nord, uno in volo verso est e l’altro verso sud-est.

Il primo ha volato per 150 km fino a un’altitudine massima di circa 150 km, mentre il secondo ha coperto un raggio di 200 km fino a un’altitudine massima di 100 km, ha dichiarato ai giornalisti a Tokyo mercoledì mattina. «Le azioni della Corea del Nord minacciano la pace e la stabilità del Giappone, della regione e della comunità internazionale», ha dichiarato Hamada.

Tommaso Dal Passo