COLOMBIA. L’ex capo dei terroristi M-19 oggi guida l’intelligence

116

Il Presidente colombiano Gustavo Petro ha nominato il suo collega ex guerrigliero dell’M-19 Manuel Alberto Casanova Guzman a capo della Direzione Nazionale di Intelligencecolombiana, Dni, che per la prima volta non sarà diretta da un militare.

Casanova, filosofo ed ex guerrigliero, nel suo profilo LinkedIn afferma di aver lavorato come funzionario dell’istruzione e in un’azienda di esportazione di caffè, senza avere alcuna esperienza accreditata in questo campo. Come Petro, ha smobilitato nel 1990 nell’ambito dell’accordo di pace firmato dall’M-19. In seguito, ha assunto l’incarico di capo dell’M-19. In seguito, ha assunto l’incarico di capo della sicurezza del partito politico Alianza Democrática M-19, riporta Mercopress.

Il Dni ha sostituito il Departamento Administrativo de Seguridad (Das), coinvolto in uno scandalo di spionaggio che ha visto coinvolti giudici, oppositori e difensori dei diritti umani sotto l’allora presidente Alvaro Uribe (2002-2010). Il Dni è sempre stato diretto da ufficiali militari in pensione.

I “petristi” considerano la nomina di Casanova come parte del cambiamento di rotta che la nuova amministrazione intende attuare. La sinistra Petro ha già avviato una trasformazione delle Forze armate e della Polizia. Una vera e propria decapitazione di una intera generazione di militari e poliziotti  esperti nella lotta al narcotraffico e all’eversione politica che ha lasciato uno strascico di proteste all’intento delle forze di sicurezza del paese. 

Nel frattempo, il primo Ministro spagnolo Pedro Sánchez è atterrato martedì scorso a Bogotá in missione per rafforzare i legami bilaterali. È stato accolto dal ministro degli Esteri Álvaro Leyva.

Si prevede che Sánchez esprima il suo pieno sostegno a Petro e alle sue politiche per raggiungere un accordo di pace con i ribelli dell’Esercito di Liberazione Nazionale, Eln. 

Sánchez parteciperà anche alla cerimonia di chiusura del Forum imprenditoriale Colombia-Spagna, dove incontrerà informalmente gli uomini d’affari spagnoli.

Sánchez è impegnato in un tour in America Latina che prevede una tappa in Ecuador e una in Honduras.

Antonio Albanese