CINA. Xi si compra il Centro Asia

170

Il presidente cinese ha riunito i cinque presidenti dell’Asia centrale per un incontro virtuale il 25 gennaio per celebrare 30 anni di relazioni diplomatiche.

Ogni leader dell’Asia centrale ha promosso la propria agenda, apparentemente meno preoccupato per le questioni regionali che per i legami bilaterali dei loro paesi con il gigante economico cinese.

Il presidente tagiko Emomali Rahmon ha parlato della necessità di espandere la cooperazione in materia di sicurezza alla luce delle minacce provenienti dall’Afghanistan. Gurbanguly Berdimuhamedov del Turkmenistan ha suggerito di aumentare le forniture di gas naturale alla Cina costruendo un altro gasdotto. Shavkat Mirziyoyev dell’Uzbekistan e Sadyr Japarov del Kirghizistan hanno chiesto la costruzione di una ferrovia Cina-Kirghizistan-Uzbekistan, da tempo in attesa.

Il presidente del Kazakistan Kassym-Jomart Tokayev ha discusso i recenti sanguinosi disordini nel suo paese e ha promesso riforme sistematiche: «Abbiamo iniziato a costruire un nuovo Kazakistan», ha detto Tokayev, sottolineando che stava lavorando per eliminare la corruzione nel servizio doganale per facilitare le esportazioni verso la Cina, riporta BneIntellinews.

Da parte sua, il presidente cinese Xi Jinping ha promesso di aprire il mercato interno cinese a più beni e prodotti agricoli dell’Asia centrale. Questa sarebbe una buona notizia soprattutto per il Kazakistan, dove gli esportatori hanno subito perdite significative l’anno scorso quando la Cina ha inasprito la normativa di confine, presumibilmente a causa del coronavirus.

Il leader cinese ha anche detto che vuole portare il fatturato commerciale tra la Cina e la regione a 70 miliardi di dollari entro il 2030. La cifra è cresciuta di 25 volte negli ultimi 20 anni, da 1,5 miliardi di dollari a 38,6 miliardi nel 2020, secondo il quotidiano del partito Renmin Ribao. A guidare la crescita è il Turkmenistan, che ha visto il commercio crescere di quasi 200 volte, fino a 6,5 miliardi di dollari nel 2020, soprattutto sotto forma di esportazioni di gas naturale.

Il totale degli investimenti cinesi in Asia centrale si è avvicinato ai 40 miliardi di dollari alla fine del 2020, di cui 21,4 miliardi in Kazakistan, ha riferito il Quotidiano del Popolo; 7.700 imprese cinesi operavano in Asia centrale alla fine del 2021. Xi ha anche promesso 500 milioni di dollari in sovvenzioni ai paesi dell’Asia centrale entro i prossimi tre anni per progetti socialmente importanti e 50 milioni di dosi in più di vaccini Covid-19 prodotti in Cina quest’anno.

Perché tutti questi piani si concretizzino, Pechino ha bisogno di stabilità in Asia centrale. Ha evidentemente seguito con preoccupazione gli eventi in Kazakistan, dove giorni di disordini in mezzo a un possibile tentativo di colpo di stato all’inizio del mese hanno lasciato almeno 227 morti. A tal fine, Xi ha ottenuto parole tranquillizzanti dai leader dell’Asia centrale sulla loro avversione per le “rivoluzioni colorate”. Nella dichiarazione congiunta, i leader hanno anche promesso di sostenere la politica “Una sola Cina”, che prevede la presenza di Taiwan come parte integrante della Repubblica Popolare.

Antonio Albanese