CINA. Xi Jinping stringe sull’anticorruzione: no business per i funzionari di partito

119

I funzionari di livello pari o superiore a quello di capo dipartimento sono tenuti a riferire al Partito Comunista Cinese le attività commerciali delle loro famiglie e ad evitare abusi di potere, secondo un regolamento recentemente emanato. I funzionari devono riferire annualmente al Partito le attività commerciali dei loro coniugi, dei loro figli e dei loro coniugi, ai quali sarà chiesto di porre fine a queste attività se hanno conflitti di interesse, ha dichiarato l’Ufficio generale del Comitato centrale del Pcc, ripreso da AT.

I media statali hanno affermato che è necessario rafforzare il monitoraggio delle attività familiari dei funzionari. Nel maggio 1985, quando la Cina aveva appena iniziato ad aprire la propria economia, il Comitato centrale del Partito e il Consiglio di Stato avevano emanato un regolamento che vietava ai coniugi e ai figli di alti funzionari di gestire attività commerciali.

Tuttavia, il requisito non è riuscito a impedire ai funzionari di abusare del loro potere perché non è stato applicato con fermezza, ha dichiarato Xinhua in un commento. Dopo trent’anni, il Comitato centrale ha deciso di inasprire le regole lanciando un programma di prova a Shanghai che richiedeva ai capi dei dipartimenti governativi e ai dirigenti delle imprese statali di segnalare le loro attività familiari.

In un’indagine condotta nel 2016, 2133 funzionari e dirigenti hanno segnalato le attività commerciali dei loro coniugi, dei loro figli e dei loro coniugi, e a 229 di loro è stato ordinato di limitare le loro attività familiari, mentre a 137 è stato ordinato di uscire da queste attività. Inoltre, 11 funzionari sono stati trasferiti, a 10 è stato ordinato di andare in pensione, uno si è dimesso e tre sono stati messi sotto inchiesta. Simili schemi processuali sono stati avviati a Pechino, Guangdong, Chongqing e Xinjiang.

«I casi di corruzione sono solitamente identificati dall’esposizione dei beni dei parenti dei funzionari (…) È sospetto che qualcuno possa possedere un enorme patrimonio senza avere alcuna esperienza nel fare affari, che qualcuno possa acquistare un appartamento di altissima qualità al di sotto del prezzo di mercato o che alcuni parenti di funzionari possano sempre vincere facilmente progetti infrastrutturali o gare d’appalto», riporta Xinhua.

Negli ultimi anni, gli schemi di prova sono stati estesi ai genitori, ai fratelli e ai genitori dei coniugi dei funzionari. I funzionari sono inoltre tenuti a segnalare le azioni detenute dai loro coniugi e figli se vogliono essere promossi.

Sulla base dell’esperienza dei programmi di prova, domenica scorsa l’Ufficio generale del Comitato centrale del Pcc ha annunciato una serie di nuove regole per disciplinare le attività familiari dei funzionari a livello di capo dipartimento o superiore. Più alta è la loro posizione, più rigide saranno le regole da seguire.

Le nuove regole riguardano le attività commerciali, come l’investimento e la gestione di aziende, l’assunzione di posizioni dirigenziali in società private o straniere, la gestione di fondi di private equity e l’addebito di commissioni per la fornitura di servizi di intermediazione o legali.

Antonio Albanese