CINA. XI Jinping si deve scegliere un successore. Ecco i nomi

0

Il rimpasto della leadership cinese, che durerà due decenni, è entrato nella fase finale della preparazione: domenica scorsa centinaia di alti funzionari del Partito comunista si sono riuniti a Pechino per l’ultimo briefing prima del congresso nazionale.

All’inizio del settimo Plenum, il presidente Xi Jinping ha informato tutti i circa 370 membri effettivi e supplenti del Comitato centrale, la cerchia ristretta del potere del partito, sul suo discorso al congresso che inizierà il prossimo fine settimana.

Wang Huning, lo zar dell’ideologia e collega di Xi nel Comitato permanente del Politburo composto da sette membri, ha anche illustrato ai membri del Comitato centrale il piano di revisione dello statuto del partito, una revisione che dovrebbe elevare ulteriormente la posizione di Xi nel partito e consolidare la sua eredità politica.

Il 16 ottobre il Partito Comunista Cinese al governo darà quindi il via al suo 20° Congresso Nazionale, che si tiene ogni cinque anni. Circa una settimana dopo, dovrebbero essere annunciati i nomi della nuova squadra. La composizione della squadra rifletterà l’influenza politica che Xi e i suoi collaboratori hanno e il grado di sostegno che il presidente esercita sulle sue idee, come le preferenze per un maggiore controllo statale sull’economia. Il congresso di questo mese deciderà quali funzionari diventeranno leader del Partito Comunista Cinese.

Circa 2.300 delegati del partito si riuniranno a Pechino per selezionare un nuovo comitato centrale, composto da circa 200 membri effettivi. Questo comitato determina poi il nucleo centrale della leadership – il Politburo e il suo comitato permanente.

L’attuale Politburo è composto da 25 membri, mentre il comitato permanente del Politburo, il più alto circolo di potere, è attualmente composto da sette membri, tra cui Xi e il premier Li Keqiang. Xi ricopre tre posizioni chiave: Segretario generale del Partito comunista cinese, Presidente della Commissione militare centrale e Presidente della Cina.

Ci si aspetta che mantenga i primi due titoli al congresso del Partito di quest’anno. Ecco i papabili membri del Politburo che potrebbero entrare o rimanere nel Comitato permanente e avere la possibilità di sostituire Li Keqiang come premier.

Han Zheng – Han è un membro del comitato permanente. Diventare premier rifletterebbe la “continuità politica”, ha detto Li di Brookings.

Hu Chunhua – Hu ha stretti legami con il predecessore di Xi, Hu Jintao. Promuoverlo significherebbe “unità di leadership”, con Xi che nominerebbe persone esterne alla sua fazione.

Liu He – Liu ha studiato alla Harvard Kennedy School negli anni Novanta. Recentemente ha guidato la delegazione cinese nei colloqui commerciali con gli Stati Uniti e ha parlato più volte con il Segretario del Tesoro Janet Yellen. Se Liu diventasse premier sarebbe per la sua “popolarità internazionale”.

Wang Yang – Wang è membro del Comitato permanente ed è stato vicepremier dal 2013 al 2018. È noto per il suo orientamento al mercato e la sua nomina a premier rifletterebbe un “drastico cambiamento di politica”.

Ding Xuexiang – membro del Politburo e “essenzialmente capo dello staff di Xi, nonché responsabile della sua sicurezza personale, il che significa che fa parte della cerchia più fidata di Xi”.

Chen Min’er – membro del Politburo e segretario del partito della municipalità di Chongqing, incarico ottenuto grazie alla “brusca estromissione” del precedente segretario da parte di Xi.

Huang Kunming – membro del Politburo e capo del dipartimento di propaganda cinese, che ha lavorato a stretto contatto con Xi nelle province di Fujian e Zhejiang.

Antonio Albanese