Pechino-Tashkent, incremento degli affari del 58%

44

UZBEKISTAN – Tashkent. 14/03/14. Dal 11-16 marzo delegazione della Repubblica Popolare Cinese (RPC) a Tashkent per concludere affari.

E ieri, in particolari modo è stata la giornata, del business forum uzbeko-cinese e matchmaking con i rappresentanti del contesto imprenditoriale dei due paesi. Obiettivo aumentare gli scambi bilaterali. Al forum hanno partecipato i rappresentanti dei ministeri e dei dipartimenti, associazioni di categoria e sindacati, industria, piccole imprese e l’imprenditoria privata dei due Paesi particolarmente interessati da parte cinese imprenditori del settore petrolchimico e ingegneria elettrica, ingegneria meccanica, dell’energia, dell’agricoltura e costruzione.
A partire dal 2012 i due Paesi hanno siglato, i capi di Stato, la Dichiarazione congiunta sulla creazione di partnership strategica.
Nel 2013 è stata siglato il trattato di amicizia e cooperazione tra l’Uzbekistan e Cina, nonché la dichiarazione congiunta della Repubblica di Uzbekistan e Cina per l’ulteriore sviluppo e approfondimento del partenariato strategico bilaterale. In Uzbekistan ci sono 450 aziende con capitale cinese. Nel 2013, il fatturato del commercio tra i due paesi per la prima volta superato 4 miliardi di dollari. L’incremento rispetto al 2012 è stato del 58%. Oggi, la Cina è il secondo partner commerciale dell’Uzbekistan e il primo e per volume degli investimenti. Ora la comunità imprenditoriale in Cina mostra un notevole interesse nel mercato dell’Uzbekistan e si concentra su joint venture. I leader cinesi hanno fissato un obiettivo: volume del commercio bilaterale tra l’Uzbekistan e Cina nel 2015 avrà raggiunto 5 miliardi di dollari.