CINA. Spesi 240 miliardi di dollari per salvare i paesi “Belt and Road”

142

La Cina ha speso 240 miliardi di dollari per salvare 22 paesi in via di sviluppo tra il 2008 e il 2021, con un importo che è aumentato vertiginosamente negli ultimi anni poiché molti hanno lottato per rimborsare i prestiti spesi per la costruzione di infrastrutture “Belt and Road”.

Stando ad un report della Banca Mondiale, della Harvard Kennedy School, di AidData e del Kiel Institute for the World Economy pubblicato martedì 28 marzo e ripreso da Reutersm, quasi l’80% dei prestiti è stato concesso tra il 2016 e il 2021, principalmente a paesi a medio reddito tra cui Argentina, Mongolia e Pakistan.

La Cina ha prestato centinaia di miliardi di dollari per costruire infrastrutture nei paesi in via di sviluppo, ma i prestiti sono diminuiti dal 2016 poiché molti progetti non sono riusciti a pagare i dividendi finanziari previsti.

I prestiti cinesi ai paesi in difficoltà debitorie sono aumentati da meno del 5% del suo portafoglio di prestiti all’estero nel 2010 al 60% nel 2022, secondo lo studio.

L’Argentina ha ricevuto di più, con 111,8 miliardi di dollari, seguita dal Pakistan con 48,5 miliardi e dall’Egitto con 15,6 miliardi. Nove paesi hanno ricevuto meno di 1 miliardo di dollari.

Le linee di swap della People’s Bank of China hanno rappresentato 170 miliardi di dollari del finanziamento, anche in Suriname, Sri Lanka ed Egitto. I prestiti ponte o il sostegno alla bilancia dei pagamenti da parte di banche e società statali cinesi ammontavano a 70 miliardi di dollari. I rinnovi di entrambi i tipi di prestiti sono stati di 140 miliardi di dollari.

Lo studio è stato critico nei confronti di alcune banche centrali che potrebbero utilizzare le linee di swap della Pboc per aumentare artificialmente le cifre delle loro riserve di valuta estera.

I prestiti di salvataggio della Cina sono “opachi e non coordinati”, si legge in un altro studio di AidData, un laboratorio di ricerca presso il College of William & Mary negli Stati Uniti.

Il governo cinese ha risposto alle critiche, affermando che i suoi investimenti all’estero operavano in base al “principio di apertura e trasparenza”.

«La Cina agisce in conformità con le leggi di mercato e le regole internazionali, rispetta la volontà dei paesi interessati, non ha mai costretto alcuna parte a prendere in prestito denaro, non ha mai costretto alcun paese a pagare, non assocerà alcuna condizione politica agli accordi di prestito e non cerca qualsiasi interesse personale politico», ha detto sempre il 28 marzo il portavoce del ministero degli Esteri Mao Ning in una conferenza stampa.

I prestiti di salvataggio sono concentrati principalmente nei paesi a medio reddito che costituiscono i quattro quinti dei suoi prestiti, a causa del rischio che rappresentano per i bilanci delle banche cinesi, mentre ai paesi a basso reddito vengono offerti periodi di grazia ed estensioni della scadenza, afferma il rapporto.

La Cina sta negoziando ristrutturazioni del debito con paesi come Zambia, Ghana e Sri Lanka ed è stata criticata per aver bloccato i processi. In risposta, ha invitato la Banca mondiale e il Fondo monetario internazionale a offrire anche una riduzione del debito.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/