CINA. Riapre la frontiera con la Corea del Nord per il trasporto merci

229

Dandong, la città cinese al confine con la Corea del Nord, sta cercando di ammodernare le sue strutture commerciali transfrontaliere date le voci che i due paesi si stanno muovendo per rafforzare le loro relazioni di fronte alla crescente pressione degli Stati Uniti. Le autorità locali di Dandong, nella provincia di Liaoning, hanno recentemente iniziato a sollecitare offerte per una serie di progetti che potrebbero servire ad aprire il Nuovo Ponte sul fiume Yalu. Il ponte stradale a otto corsie è stato progettato per sostituire il Ponte dell’Amicizia sino-coreana costruito dagli occupanti giapponesi nel 1943, che è abbastanza largo solo per un singolo binario ferroviario e una strada a senso unico.

Questo nuovo ponte potrebbe aiutare a portare investimenti in una zona economica pianificata a Dandong, una città di 2,5 milioni di persone che si trova di fronte alla città nordcoreana di Sinujiu, e aumentare il commercio con il suo vicino. I lavori per il progetto sono iniziati 10 anni fa e l’apertura era prevista per il 2014, ma il ponte è ancora chiuso.

Recentemente Dandong ha indetto una gara d’appalto per uno studio di fattibilità aggiornato sul progetto di un nuovo porto di confine sul lato cinese del ponte. Il mese scorso, l’autorità provinciale dei trasporti di Liaoning ha anche iniziato il processo di offerta per un contratto di ispezione di sicurezza di sei mesi per il nuovo ponte, perché sarebbe stato «messo in funzione presto». A gennaio 2021, l’ufficio delle risorse naturali di Dandong ha annunciato che una società di consulenza ambientale di Shenyang, capitale provinciale, aveva ricevuto un contratto per effettuare una valutazione di impatto ambientale «per garantire lo sviluppo sostenibile della zona di cooperazione economica di confine», un progetto approvato per la prima volta nel 1992.

Oltre ai ritardi nell’apertura del ponte, il commercio transfrontaliero è stato duramente colpito dalle sanzioni delle Nazioni Unite imposte in seguito ai test nucleari della Corea del Nord, ed è arrivato a un quasi-arresto nel gennaio dello scorso anno quando la Corea del Nord ha chiuso le sue frontiere dopo l’inizio dell’epidemia di Covid-19. Gli ultimi sforzi hanno ravvivato la speculazione che la Cina e la Corea del Nord si stanno muovendo per rafforzare il loro rapporto di fronte alla pressione degli Stati Uniti.

La tv sudcoreana Jtbc ha poi detto che i funzionari di Dandong hanno iniziato ad accettare la registrazione delle esportazioni per una potenziale riapertura del confine il 16 aprile: funzionari doganali in Cina e Corea del Nord «stanno effettuando le pratiche per la quarantena delle aziende commerciali», le merci, per lo più carbone e fertilizzanti chimici per la stagione della semina primaverile, sono pronte per la spedizione. La ripresa del commercio sarebbe limitata alle merci, mentre rimarrebbero in vigore le restrizioni sugli scambi interpersonali, compreso il turismo.

Luigi Medici