CINA. Prove operative per la terza portaerei cinese

166

La terza e più avanzata portaerei cinese, la Fujian, dovrebbe iniziare le prove in mare quest’anno, secondo il vice-comandante della nave, uno sviluppo che farà avanzare ulteriormente le capacità militari del Paese.

«Nel nuovo anno, dobbiamo portare avanti tutto il lavoro incentrato sulle prove in mare e contribuire alla realizzazione degli obiettivi dei due centenari dell’esercito», ha dichiarato Qian Shumin in un discorso video pubblicato suoi social media cinesi il 3 gennaio, riporta Scmp.

Il secondo degli obiettivi dei Due Centenari del presidente Xi Jinping è quello di riportare la nazione in prima linea tra le potenze globali entro il 2049, quando la Repubblica Popolare Cinese celebrerà il suo 100° anniversario.

La portaerei è stata varata il 17 giugno 2022 e le prove di ormeggio sono state condotte nel settembre 2022.

La Cina ha iniziato i test di ormeggio della portaerei Fujian Type 003, contemporaneamente all’installazione e alla calibrazione delle apparecchiature.

Il test ha messo alla prova tutti i sistemi della nave, dalla propulsione alle apparecchiature meccaniche. «La Fujian è la nave da guerra più grande e sofisticata sviluppata in Cina, con catapulte elettromagnetiche avanzate – una tecnologia che solo gli Stati Uniti hanno fornito alla portaerei Gerald R. Ford», ha poi detto il vice comandante cinese.

Chiamata come la provincia cinese di fronte a Taiwan, la Fujian segna una pietra miliare nella modernizzazione militare della Cina. È la prima portaerei della Marina cinese “home made” ad essere dotata di un sistema di lancio elettromagnetico all’avanguardia, in contrapposizione alla rampa convenzionale a salto con sci montata sulle prime due portaerei cinesi, entrambe più piccole e basate su un progetto sovietico.

Il suo varo ha confermato sia l’ampiezza delle capacità industriali cinesi sia la portata delle ambizioni di Pechino di costruire una marina “blue water” in grado di operare a livello globale .

Il sistema di catapulta del Fujian, che assomiglia al sistema di lancio elettromagnetico per velivoli della Marina statunitense, consente di lanciare dal ponte una gamma molto più ampia di velivoli sia pilotati che potenzialmente senza pilota, compresi velivoli da trasporto e ad ala fissa per il controllo e l’allerta precoce.

La marina militare dovrebbe inizialmente schierare dalla nuova portaerei i caccia multiruolo J-15B e infine i J-35, la risposta cinese agli F-35C statunitensi. Il J-35, attualmente in fase di sviluppo, dovrebbe diventare operativo intorno al 2026.

La nave dovrebbe avere una presenza importante nello Stretto di Taiwan.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/