CINA. Pechino vuole sfruttare all’osso il suolo del Tibet

301

Prima dell’invasione del Tibet da parte della Repubblica Popolare Cinese, l’attività mineraria tibetana era poco sviluppata. Nella sfera culturale tibetana, si dice che l’estrazione e la perturbazione del terreno rimuovono «l’essenza della terra, di cui i minerali sono forma primaria».

Durante la Rivoluzione culturale, i tibetani furono mandati a Jang Tsala Karpo, una miniera di borace nell’alta regione Jangtang del Tibet settentrionale. Alcune miniere di cromo furono fatte anche usando prigionieri tibetani, molti dei quali furono fatti morire di fame. In breve, dopo l’invasione, l’attività mineraria della Cina continuò in tutto il Tibet, riporta Asia Times.

Il Tibet è conosciuto come il “terzo polo” e la “torre d’acqua dell’Asia”, poiché fornisce acqua dolce ad altri paesi dell’area; oltre a questo, il Tibet è anche ricco di risorse minerali naturali. In Tibet sono stati trovati più di 126 tipi di risorse minerali, la cui qualità è tra le migliori al mondo.

Secondo il China Geological Survey Bureau, l’altopiano tibetano ha riserve da 30 a 40 milioni di tonnellate di rame, 40 milioni di tonnellate di piombo e zinco, e miliardi di tonnellate di ferro. A causa dell’estrazione mineraria pesante da parte del governo cinese, la ricchezza dell’altopiano in risorse naturali è diventata una vera maledizione per il popolo tibetano e l’ecosistema della zona.

Nell’ambito del XIV piano quinquennale, il governo cinese intende «rafforzare la costruzione della capacità di riserva di carbone. Miglioreremo il sistema di gestione e controllo dei rischi energetici, rafforzeremo le garanzie di approvvigionamento energetico per le città e gli utenti chiave, e rafforzeremo la protezione di sicurezza di importanti impianti energetici e reti energetiche».

Non solo, ma il partito prevede anche di «rafforzare la pianificazione e il controllo delle risorse minerarie strategiche, migliorare le capacità di sicurezza delle riserve, e attuare un nuovo ciclo di iniziative strategiche per la prospezione».

A novembre, la Commissione Nazionale per lo Sviluppo e la Riforma ha rivelato che la Cina intensificherà l’esplorazione delle risorse minerarie strategiche, tra cui petrolio, gas naturale, rame, cromo, tungsteno, terre rare e altre nel periodo 2021-2025.

Molti minerali di terre rare si trovano in Tibet. Attualmente, la domanda di batterie per veicoli elettrici sta aumentando vertiginosamente nel mondo, portando a un’ulteriore impennata dei prezzi delle materie prime. Quindi la domanda di litio aumenterà, e le riserve di litio sono abbondanti in Tibet. Per esempio, la produzione di carbonato di litio dal lago Tso-Ngon, o Qinghai, è raddoppiata quest’anno.

Quindi, in futuro, c’è la possibilità di un’estrazione estensiva in tutto il Tibet; inoltre, secondo il “Piano d’azione per il picco dell’anidride carbonica prima del 2030” della Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma, il partito comunista cinese prevede di sviluppare trasporto multimodale con il trasporto ferroviario e quello fluviale come assi portanti: «Continueremo a costruire linee ferroviarie speciali per le imprese industriali e minerarie, porti e parchi logistici, e accelereremo lo sviluppo di reti fluviali di alto livello per facilitare lo spostamento del trasporto di carichi e il trasporto di merci a media e lunga distanza dalle autostrade alle ferrovie e alle vie navigabili».

L’attività mineraria ha portato al trasferimento di un numero record di pastori tibetani. Gli impatti dell’eccessiva attività mineraria sull’ambiente del Tibet sono molteplici. L’estrazione mineraria causa una grave distruzione della morfologia superficiale e delle strutture del suolo delle terre e porta anche alla diminuzione delle attività del suolo.

Le operazioni minerarie aumentano anche il rilascio di arsenico, minaccia per la qualità dell’acqua. Poiché il Tibet è la fonte primaria dei principali fiumi dell’Asia, un’eccessiva attività mineraria in tutta la regione può influenzare la qualità dell’acqua che scorre verso altri paesi.

Antonio Albanese