CINA. Pechino sorpassa Tokyo: è il più grande esportatore di autoveicoli

218

Nel primo trimestre del 2023 la Cina ha superato il Giappone come primo esportatore mondiale di automobili, grazie alla crescente domanda di veicoli elettrici e all’aumento delle consegne alla Russia.

Secondo la China Association of Automobile Manufacturers, le esportazioni cinesi di automobili nel periodo gennaio-marzo sono aumentate del 58% rispetto all’anno precedente, raggiungendo 1,07 milioni di unità.

Nello stesso trimestre, il Giappone ha esportato 950.000 veicoli, con un aumento del 6% rispetto all’anno precedente, secondo la Japan Automobile Manufacturers Association.

Le esportazioni cinesi di auto continuano a crescere nel trimestre in corso. Un gruppo industriale di veicoli passeggeri prevede che le esportazioni saliranno del 30% per l’intero anno solare, raggiungendo i 4 milioni di unità.

Nel 2009, la Cina ha superato gli Stati Uniti diventando il più grande mercato mondiale per i veicoli nuovi. Il governo cinese ha favorito la crescita dell’industria nazionale dei veicoli elettrici offrendo incentivi all’acquisto e fiscali e sviluppando infrastrutture di ricarica per far entrare i veicoli elettrici nel mercato comune.

Il passaggio all’elettrico ha alimentato l’ascesa della Cina come potenza esportatrice di auto. Nel primo trimestre le esportazioni di veicoli a nuova energia, che includono i veicoli elettrici, sono aumentate del 93% rispetto all’anno precedente, raggiungendo le 380.000 unità. I veicoli a nuova energia rappresentano circa il 40% delle esportazioni complessive di auto della Cina.

Secondo i media cinesi, la divisione cinese di Tesla è stata il primo esportatore di veicoli a energia nuova con 90.000 unità. Al secondo posto si sono piazzate l’unità veicoli passeggeri di SAIC Motor con 50.000 unità e BYD con 30.000 veicoli.

Belgio, Australia e Tailandia sono state le principali destinazioni dei veicoli a nuova energia di produzione cinese. Il terzo posto della Tailandia dimostra che le case automobilistiche cinesi stanno utilizzando i veicoli elettrici per conquistare quote di mercato nel sud-est asiatico, una regione in cui le case automobilistiche giapponesi hanno a lungo dominato, riporta Nikkei.

Per tutti i veicoli di produzione cinese, la Russia è stata la principale destinazione di esportazione nel primo trimestre. Le esportazioni sono più che triplicate rispetto all’anno precedente, raggiungendo le 140.000 unità.

Dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022, Toyota Motor, Volkswagen e altre case automobilistiche globali hanno chiuso gli stabilimenti russi e si sono ritirate dal mercato. Le case automobilistiche cinesi hanno riempito questo vuoto.

In particolare, Chery Automobile e Great Wall Motor hanno ampliato le vendite in Russia. Chery Automobile è finanziata da entità legate ai governi municipali cinesi.

Nel primo trimestre la Cina ha esportato in Russia quasi 30.000 autocarri, che potrebbero essere utilizzati per scopi militari, un volume quasi sette volte superiore a quello dell’anno precedente. Dopo la Russia, le principali destinazioni di esportazione sono, nell’ordine, Messico, Belgio e Arabia Saudita.

Tesla ha posizionato la Gigafactory di Shanghai come un hub di esportazione per i veicoli destinati all’Europa e al Giappone, tra gli altri mercati. Le esportazioni di Tesla dalla Cina nel primo trimestre sono cresciute del 20% rispetto all’anno precedente.

Quando la Gigafactory di Shanghai è entrata in funzione nel 2019, la struttura aveva la capacità di produrre 250.000 veicoli all’anno. Ora la fabbrica è in grado di produrre 1,25 milioni di unità all’anno e ha richiesto i permessi per aumentare la capacità a 1,75 milioni di unità, secondo quanto riportato dai media. Ad aprile, la Gigafactory ha iniziato a produrre i veicoli sport utility Model Y per l’esportazione in Canada.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/