CINA. Pechino revoca le restrizioni da covid 19: attesi un milione di morti entro aprile

135

Secondo l’Institute for Health Metrics and Evaluation, con sede negli Stati Uniti, il bilancio delle vittime da Corona Virus in Cina sarebbe salito a più di un milione durante l’anno 2023, in un momento in cui i lavoratori dei crematori di Pechino hanno confermato che i crematori sono sovraffollati a causa di un’ondata senza precedenti di infezioni da Covid-19 in Cina, e dovrebbe raggiungere presto le aree rurali, secondo le autorità.

L’Istituto americano ha affermato, secondo quanto pubblicato da Agence France-Presse, che il numero di contagi raggiungerà il suo picco il prossimo aprile, e i morti raggiungeranno i 322.000, attribuendo ciò all’improvvisa revoca da parte delle autorità cinesi delle rigide restrizioni per combattere il Covid-19. 19.

Ciò avviene in un momento in cui l’epidemia si sta diffondendo rapidamente in tutta la Cina, una settimana dopo la revoca della maggior parte delle restrizioni sanitarie in vigore da quasi tre anni, e le autorità hanno ammesso che ora è “impossibile” contare il numero di casi, e un lavoratore in un crematorio ha detto all’AFP: «Bruciamo venti corpi al giorno. La maggior parte di loro sono persone anziane. Molte persone si sono ammalate di recente».

Ha aggiunto: «Siamo costretti a lavorare intensamente, su 60 dipendenti ci sono più di 10 casi positivi (Covid), ma non abbiamo scelta, c’è molto lavoro ultimamente», come hanno sottolineato i lavoratori di due pompe funebri a Pechino fuori, Contattato da AFP, le loro istituzioni ora operano 24 ore su 24, offrendo servizi di cremazione in giornata per soddisfare la crescente domanda, e un altro crematorio afferma che ora ha una lista d’attesa di una settimana. Tuttavia, i dati ufficiali non indicano decessi correlati al Covid dal 4 dicembre.

L’autorità preposta alla lotta al Covid, ha invitato i governi locali ad aumentare il monitoraggio e l’assistenza medica per coloro che tornano dalle loro famiglie nelle zone rurali, con l’avvicinarsi del capodanno cinese, che si svolge a gennaio.

Ogni anno, questo evento provoca il traffico più grande del mondo e si prevede che la domanda aumenterà quest’anno dopo l’abolizione delle restrizioni sui viaggi interprovinciali.

Un recente studio dei ricercatori dell’Università di Hong Kong ha riferito che il Covid potrebbe uccidere un milione di persone in Cina questo inverno, in assenza della quarta dose del vaccino o di nuove restrizioni.

Ufficialmente, solo nove morti sono stati attribuiti all’epidemia da metà novembre e da allora il Paese ha registrato più di 10.000 casi al giorno. In precedenza, tra il 28 maggio e il 19 novembre non erano stati segnalati decessi correlati al coronavirus.

La Cina ha revocato alcune delle restrizioni COVID-19 più severe al mondo a dicembre, dopo proteste pubbliche senza precedenti. E ora sta assistendo a un aumento del numero di contagi, con i timori che il virus Corona possa contagiare 1,4 miliardi di persone durante le vacanze del capodanno lunare, il prossimo gennaio.

Altri esperti prevedono che circa il 60% della popolazione cinese alla fine sarà infettato dal virus e si prevede che le infezioni raggiungeranno il loro picco a gennaio e saranno nei gruppi più vulnerabili come gli anziani e altri.

Un documento pubblicato in precedenza sul sito web medico MedRexiv ha mostrato che gli esperti nel campo delle malattie dell’Università di Hong Kong prevedono che la contemporanea revoca delle restrizioni e la riapertura delle province, nel dicembre 2022 e nel gennaio 2023, comporteranno 684 morti su un milione di persone durante quel lasso di tempo. Sulla base della popolazione cinese di 1,41 miliardi e senza misure come la vaccinazione di massa, il numero potrebbe raggiungere i 964.400 decessi.

Maddalena Ingroia

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/