CINA. Pechino punta a diventare leader blockchain nel 2025

98

Le linee guida pubblicate lunedì dagli uffici cinesi di IT e Cyberspace Affairs delineano piani a lungo termine per costruire aziende blockchain per guidare diversi settori dell’economia cinese. Il documento ha anche annunciato un obiettivo di rendere la Cina un leader mondiale nella tecnologia blockchain entro il 2025.

Le linee guida, pubblicate dal Ministero dell’Industria e dell’Information Technology e l’Ufficio Centrale degli Affari del Cyberspazio, forniscono le regole agli uffici di tecnologia dell’informazione del paese nei governi provinciali e comunali; fissano obiettivi a lungo termine per costruire aziende e applicazioni blockchain che possano potenziare diversi settori dell’economia del paese, parte della strategia della Cina digitale lanciata dal presidente cinese Xi Jinping, riporta Atf.

«Blockchain è una componente importante delle tecnologie dell’informazione di nuova generazione (…) integra varie tecnologie (…) Attraverso caratteristiche come la trasparenza dei dati, la prova di manomissione e la tracciabilità, ci si aspetta che risolva i problemi di fiducia e sicurezza nella rete», si legge nel documento.

Il presidente Xi ha identificato blockchain come un’area chiave di svolta tecnologica per la Cina in un meeting del Politburo nell’ottobre 2019, segnando che la tecnologia è di importanza strategica per la nazione. Nell’aprile 2020, la Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma ha incorporato per la prima volta la blockchain nell’ambito dello sviluppo delle “nuove infrastrutture”.

La Cina ospita 75.000 imprese che fanno affari legati alla blockchain, secondo la piattaforma cinese Tianyancha. L’obiettivo è quello di avere un’industria blockchain leader a livello mondiale entro il 2025, e di espandere la scala di tale industria con un ecosistema quasi completo entro il 2035, secondo le ultime linee guida emesse dai due enti governativi.

Entro il 2025, la Cina mira a creare un certo numero di “prodotti famosi” di blockchain in settori come la tracciabilità dei prodotti, la condivisione dei dati e la gestione della catena di approvvigionamento, e stabilire da tre a cinque aziende di influenza internazionale, oltre a formare da tre a cinque “parchi” per l’industria blockchain. Entro il 2030 blockchain sarà profondamente integrato con altre tecnologie dell’informazione come Internet, big data e intelligenza artificiale in Cina. Le loro applicazioni saranno ampiamente adottate in Cina e forniranno un mezzo essenziale per sostenere la capacità di governo della nazione in quel momento.

I compiti critici secondo le linee guida includono l’applicazione della tecnologia blockchain per promuovere l’economia reale e migliorare i servizi pubblici, la creazione di standard tecnologici e il miglioramento della catena industriale. Per eseguire le linee guida, i governi locali sono stati incaricati di fornire un sostegno sia politico che economico: costruire parchi industriali blockchain, agevolazioni fiscali per le startup blockchain e la creazione di programmi di istruzione superiore specializzati per promuovere il talento nel campo della tecnologia blockchain.

Le linee guida arrivano dopo un recente divieto sui servizi finanziari e di pagamento legati alle criptovalute: durante lo scorso fine settimana, gli enti di controllo cinesi hanno bloccato una serie di account di influencer legati alle criptovalute su Weibo, che pubblicavano attivamente informazioni relative all’andamento del mercato crypto.

Graziella Giangiulio