CINA. Pechino programma grandi sforzi per salvare la ripresa economica

93

La Cina compirà grandi sforzi per consolidare la ripresa economica, secondo quanto dichiarato il 22 luglio dai media statali.

L’economia cinese è in una fase cruciale di ripresa e il terzo trimestre sarà cruciale, ha dichiarato il governo cinese dopo una riunione ordinaria.

«Faremo grandi sforzi per consolidare le basi della ripresa economica, ci sforzeremo di stabilizzare l’economia e di mantenere l’operatività economica all’interno di un intervallo ragionevole, dando priorità al raggiungimento dell’obiettivo di stabilizzare l’occupazione e i prezzi», ha dichiarato il gabinetto, riporta The Peninsula.

L’economia cinese ha iniziato una tiepida ripresa dagli shock sull’offerta causati dalle ampie e reiterate chiusure generali dovute alla pandemia, anche se persistono venti contrari alla crescita, tra cui il mercato immobiliare ancora debole, le proteste dei mutuatari oramai diffuse, i consumi ridotti e la paura di eventuali ondate di infezioni che oramai sembrano divenute ricorrenti.

Il gabinetto cinese ha dichiarato che c’è ancora un ampio margine di manovra perché le politiche, come gli strumenti di finanziamento attraverso la politica bancaria, possano svolgere un ruolo di stimolo agli investimenti.

Le autorità hanno concesso alle banche 800 miliardi di yuan, pari a 118 miliardi di dollari, in nuove quote di credito e hanno permesso loro di emettere 300 miliardi di yuan in obbligazioni per finanziare progetti infrastrutturali. Il gabinetto ha esortato le autorità locali ad accelerare la costruzione di progetti infrastrutturali e a creare opportunità di lavoro per i lavoratori immigrati, hanno dichiarato i media statali cinesi.

Le istituzioni finanziarie dovrebbero prendere accordi flessibili per i prestiti al consumo per le persone colpite dal covid 19, e ci si impegnerà per garantire uno sviluppo stabile del mercato immobiliare, ha poi dichiarato il gabinetto, agevolando chi ha contratto un mutuo.

Ha inoltre ribadito il sostegno allo sviluppo sano dell’economia delle piattaforme e commerce, consentendo al settore di svolgere un ruolo migliore nella creazione di posti di lavoro e nella promozione dei consumi.

Maddalena Ingrao