CINA. Pechino non compra il petrolio di Mosca

205

Le imprese statali cinesi stanno onorando i contratti petroliferi russi esistenti, ma stanno evitando quelli nuovi, nonostante i forti sconti, ascoltando l’appello di Pechino per la cautela, mentre aumentano le sanzioni contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina.

Sinopec, il più grande raffinatore dell’Asia, Cnooc, PetroChina e Sinochem sono rimasti in disparte nel commercio di carichi russi freschi per i carichi di maggio, riporta AF. Le aziende statali cinesi non vogliono essere considerate apertamente sostenitrici di Mosca, comprando volumi extra di petrolio, dopo che Washington ha vietato il petrolio russo il mese scorso e l’Unione europea ha imposto sanzioni al principale esportatore russo Rosneft e Gazprom Neft.

La Cina e la Russia hanno sviluppato legami sempre più stretti negli ultimi anni, e recentemente a febbraio hanno annunciato una partnership “senza limiti”, e la Cina ha rifiutato di condannare l’azione della Russia in Ucraina o di chiamarla un’invasione. La Cina ha ripetutamente criticato le sanzioni occidentali contro la Russia, e ufficialmente Pechino non sta aggirando le sanzioni alla Russia.

La Cina, il più grande importatore di petrolio del mondo, è il primo acquirente di greggio russo con 1,6 milioni di barili al giorno, la metà dei quali è fornita tramite oleodotti sotto contratti da governo a governo.

Un calo delle importazioni cinesi di petrolio russo potrebbe spingere i suoi giganteschi raffinatori statali a rivolgersi a fonti alternative, aggiungendosi alle preoccupazioni di approvvigionamento globale che hanno spinto i prezzi del petrolio Brent ai massimi in 14 anni vicino ai 140 dollari al barile all’inizio di marzo dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio. I futures del Brent sono poi scesi sotto i 110 dollari, dopo che gli Stati Uniti e gli alleati hanno annunciato piani per liberare le scorte dalle riserve strategiche.

Prima della crisi ucraina, la Russia forniva il 15% delle importazioni di petrolio della Cina – la metà tramite gli oleodotti della Siberia orientale e Atasu-Alashankou e il resto tramite petroliere dai suoi porti del Mar Nero, del Mar Baltico e dell’Estremo Oriente. Unipec, il braccio commerciale di Sinopec e uno dei principali acquirenti di petrolio russo, ha messo in guardia i suoi team globali in regolari riunioni interne nelle ultime settimane contro i rischi di trattare con il petrolio russo.

Unipec ha caricato 500.000 tonnellate di Ural dai porti baltici della Russia a marzo, il volume più alto degli ultimi mesi, fornito da Surgutneftegaz sul posto e nell’ambito di una gara di esportazione di Rosneft che Unipec ha vinto per carichi tra settembre 2021 e marzo 2022, secondo i commercianti e i dati di spedizione. I suoi ultimi accordi sugli Ural saranno due spedizioni di carico di aprile per un totale di 200.000 tonnellate dal produttore russo Surgutneftegaz.

Al contrario, l’India ha finora prenotato almeno 14 milioni di barili, o circa 2 milioni di tonnellate, di petrolio russo dal 24 febbraio, contro quasi 16 milioni di barili in tutto il 2021, secondo Reuters. Altri acquirenti statali come PetroChina, Cnooc e Sinochem hanno evitato la miscela Espo – Eastern Siberia Pacific Ocean – della Russia per il carico di maggio.

Sinopec sta affrontando problemi di pagamento anche per gli affari concordati in precedenza, dato che le banche statali avverse al rischio cercano di ridurre il finanziamento degli affari legati al petrolio russo.

Le preoccupazioni per le sanzioni hanno spinto alcuni raffinatori indipendenti conosciuti come “teapots”, gruppo dinamico di clienti che consumano circa un terzo delle importazioni di petrolio russo della Cina, a volare sotto il radar. Per mantenere il flusso di petrolio, questi raffinatori agili stanno impiegando meccanismi di pagamento alternativi come il trasferimento di denaro, il pagamento dopo la consegna del carico e l’uso della valuta cinese.

Rosneft, Surgutneftegaz e Gazprom Neft, e i produttori indipendenti rappresentati dal commerciante svizzero Paramount Energy, dovrebbero spedire 3,3 milioni di tonnellate di Espo dal porto di Kozmino in maggio.

Lucia Giannini