CINA. Pechino deve prepararsi alla guerra con gli USA, dicono i generali

562

La Cina deve aumentare le spese militari per prepararsi a un possibile confronto con gli Stati Uniti, hanno detto due alti gradi del Pla, in un insolito riconoscimento del rischio di uno scontro tra le due maggiori economie del mondo. Due generali, membri della Commissione militare centrale guidata dal presidente Xi Jinping, hanno fatto questa esternazione durante la sessione parlamentare annuale a Pechino.

Come riporta Bloomberg, il vicepresidente della Commissione Militare Centrale Xu Qiliang, il più alto in grado della Cina, ha detto che il paese deve prepararsi a una “trappola di Tucidide”, un inevitabile conflitto tra una potenza emergente e una consolidata. «Di fronte alla “trappola di Tucidide” e alle perturbazioni di confine, l’esercito deve intensificare i suoi sforzi per migliorare le sue capacità», ha detto Xu lo scorso 5 marzo. «La cosa più importante è l’unità e la coesione interna e il miglioramento delle capacità generali. Se sei forte, avrai stabilità a lungo termine, così come l’invincibilità», ha poi detto.

Il riferimento di Xu ai “disordini di confine” potrebbe essere un’allusione allo scontro della Cina con l’India, così come alle dispute territoriali nei mari della Cina meridionale e orientale. Il ministro della Difesa cinese Wei Fenghe, anch’egli nel Cmc, ha detto che «il contenimento e il contro-contenimento saranno il tono principale dei legami bilaterali tra Cina e Stati Uniti». Queste osservazioni hanno rappresentato una rara ammissione da parte della Cina sul crescente rischio di un confronto con gli Stati Uniti dopo l’escalation di controversie sotto il presidente Donald Trump su tutto, dal commercio a Taiwan.

I leader cinesi hanno ripetutamente minimizzato il rischio di una “trappola di Tucidide”, con Xi che ha detto durante una visita del 2015 negli Stati Uniti che un tale conflitto non era inevitabile se i paesi avessero evitato errori strategici. Il documento di strategia di sicurezza nazionale rilasciato la scorsa settimana dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha riaffermato la designazione di Trump della Cina come un “concorrente strategico”. La strategia Usa cerca di mettere meno enfasi sull’uso dell’esercito americano per risolvere i conflitti e si impegna a lavorare con «paesi che la pensano allo stesso modo» per forgiare un approccio comune verso Pechino.

La “trappola di Tucidide” fa riferimento alla spiegazione data dallo storico greco Tucidide della guerra del Peloponneso come uno scontro inevitabile tra la nascente Atene e la potenza regionale Sparta. Il termine è stato coniato da Graham Allison, un professore alla Kennedy School of Government dell’Università di Harvard, secondo cui la Cina minaccerebbe di spostare l’influenza degli Stati Uniti, con il possibile risultato di una rivalità non sana o un conflitto armato.

Xi ha promesso di rendere la Cina una grande potenza militare, impegnandosi a completare la modernizzazione delle forze armate entro il 2035 e costruire un esercito di livello mondiale in grado di vincere le guerre in tutti i teatri entro il 2050. La Cina ha previsto una crescita della spesa per la difesa del 6,8% quest’anno, dal 6,6% dello scorso anno, il ritmo più lento in tre decenni.

Il ministro della Difesa Wei ha detto che il contenimento «durerà per tutto il processo di ringiovanimento nazionale della Cina (…) La sicurezza nazionale della Cina è entrata in una fase di alto rischio. I compiti sono in aumento per il settore della difesa e i militari (…) la Cina deve rafforzare globalmente l’addestramento e la preparazione alla guerra e migliorare la capacità strategica di vincere i nemici forti».

Antonio Albanese