CINA. Pechino aiuterà Mosca a superare le sanzioni. Ecco come

344

La Cina è pronta a lanciare un’ancora di salvezza economica alla Russia mentre i legami di Vladimir Putin con l’Occidente si deteriorano e Mosca è colpita da una serie di sanzioni per la crisi in Ucraina. La Cina ha evitato di criticare direttamente l’invasione di Mosca in Ucraina e ha invece dato la colpa ai paesi occidentali per la fornitura di armi al governo di Kiev: «La questione dell’Ucraina è complessa nel suo sfondo storico»‚ ha detto il ministero degli Esteri «Quello che vediamo oggi è il gioco di fattori complessi».

Pechino ha accusato gli Stati Uniti e i paesi europei di alimentare il conflitto con la fornitura di armi: «Le armi non possono mai risolvere tutti i problemi. Quindi non è questo il momento per nessuno di versare olio sul fuoco. Invece, dovremmo dare una possibilità alla pace», ha detto il Ministero, che ha anche ricordato le precedenti operazioni militari statunitensi: «L’azione russa è definita come un’invasione, ma quando gli Stati Uniti hanno intrapreso azioni militari unilaterali contro l’Afghanistan e altri paesi, che parole vennero usate allora? Erano invasioni o qualcos’altro? (…) Speriamo ancora che le parti interessate non chiudano la porta alla pace e si impegnino invece nel dialogo e nella consultazione», riporta War is Boring.

La Cina probabilmente aiuterà la Russia a superare le sanzioni, soprattutto attraverso accordi sulle risorse e prestiti da parte di diverse banche statali, cercando di evitare danni ai propri interessi economici e finanziari: «Il livello di sostegno cinese alle azioni russe potrebbe essere un fattore influente nel plasmare una crisi in evoluzione (…) Pechino ha riaffermato la sua opposizione a “tutte le sanzioni unilaterali illegali” (…) Dal 2011, gli Stati Uniti hanno imposto più di 100 sanzioni alla Russia (…) Tuttavia, le sanzioni statunitensi hanno risolto qualche problema? Il mondo è un posto migliore grazie a quelle sanzioni? La questione dell’Ucraina si risolverà da sola grazie alle sanzioni statunitensi alla Russia? La sicurezza europea sarà meglio garantita grazie alle sanzioni USA alla Russia?», riporta Justice News.

Pechino ha un record nel fornire sostegno economico a Mosca durante le prese di posizione di Putin con l’Occidente, anche sulla scia dell’annessione russa della Crimea all’inizio del 2014.

«A meno che l’Occidente non metta un costo davvero tangibile sulla Cina, la Cina continuerà ad aiutare la Russia dietro le quinte», prosegue il giornale. Le grandi banche politiche della Cina, che sono distinte dai suoi prestatori commerciali sostenuti dallo stato, dovrebbero essere condotti critici per il sostegno economico. La Russia è di gran lunga il più grande destinatario di Pechino di prestiti dalle istituzioni del settore ufficiale, per un totale di 151 miliardi di dollari tra il 2000 e il 2017, secondo lo statunitense AidData.

In questo ammontare vanno inclusi 86 miliardi di dollari di debito non-concessionale e semi-concessionale dalle banche politiche statali cinesi e dalle banche commerciali – per lo più prestiti garantiti da future entrate dalle esportazioni di petrolio. Dopo l’annessione della Crimea, la capacità di Pechino di attutire il colpo delle sanzioni è stata rafforzata dal fatto che i due paesi hanno costantemente ridotto l’uso del dollaro nel loro commercio bilaterale.

Anche i legami economici sino-russi si sono rafforzati, con il commercio bilaterale che dovrebbe raggiungere un record di 140 miliardi di dollari nel 2021, riflettendo una crescita annuale a due cifre. Il successo dei tentativi russi di ridurre le sanzioni aumentando gli accordi in altre valute è evidenziato da una serie di recenti accordi energetici con la Cina. Questi accordi costeggiano il sistema finanziario basato sul dollaro con prestiti e crediti in renminbi.

Quando Putin ha incontrato Xi a Pechino recentemente, la russa Gazprom e la cinese Cnpc hanno firmato un accordo di 25 anni su un nuovo percorso di fornitura di gas, il Power of Siberia pipeline lanciato nel 2019 che dovrebbe raggiungere la piena capacità nel 2025.

E Rosneft, il primo produttore di greggio della Russia e il suo principale esportatore di petrolio in Cina, che rappresenta il 7% della domanda annuale totale del paese, ha concordato con Cnpc di fornire 100 milioni di tonnellate di petrolio alla Cina attraverso il Kazakistan in 10 anni. La Russia e la Cina stanno anche lavorando a un terzo progetto di gasdotto che passerà attraverso la Mongolia; l’accordo in tal senso potrebbe essere firmato entro la fine di quest’anno.

Graziella Giangiulio