CINA. Nuovi jet imbarcati sulle portaerei entro il 2021

100

La Cina farà debuttare la sua prossima generazione di jet da combattimento imbarcati entro quest’anno, secondo il principale conglomerato aerospaziale statale e il capo progettista del suo attuale jet da combattimento basato sulle portaerei. Questa notizia arriva mentre la Cina ha mostrato un paio di suoi caccia stealth J-20 versione terrestre alimentati da motori cinesi all’attuale airshow di Zhuhai.

Parlando all’airshow, Sun Cong, il capo progettista del jet da combattimento della Marina dell’Esercito Popolare di Liberazione della Cina, ripreso da Defense News, ha detto che «buone notizie sulla prossima generazione di jet da combattimento imbarcati arriveranno più tardi quest’anno». Sun ha guidato la progettazione dello Shenyang J-15 Flying Shark. Ha detto che sarà rivelato di più sul nuovo programma quando sarà il momento giusto, secondo Global Times.

Allo stesso modo, l’Aviation Industry Corporation of China, o Avic, ha detto via Weibo che un nuovo aereo da trasporto sarebbe stato rivelato prima della fine del 2021. Né Sun né Avic hanno rivelato ulteriori dettagli sul programma, anche se il post sui social media includeva un grafico che mostrava quello che sembrava essere un design stealth a due code.

È stato ipotizzato negli ultimi anni che la Cina stesse sviluppando un nuovo jet da combattimento basato sul Shenyang J-31 come aereo da combattimento di prossima generazione per equipaggiare la crescente flotta cinese di portaerei.

La Cina ha due portaerei in servizio e ne sta costruendo una terza più grande. Le prime due navi sono dotate di uno ski-jump per assistere gli aerei nel decollo, mentre l’ultima nave in costruzione a Shanghai sarà dotata di catapulte per lanciare aerei più pesanti e condurre operazioni più rapidamente.

Il J-31 è un biposto, bimotore, ad ala media che incorpora alcune caratteristiche poco osservabili e ha una somiglianza con il Lockheed-Martin F-35 Lightning II Joint Strike Fighter. Ha volato per la prima volta nell’ottobre 2012 ed era presente all’airshow di Zhuhai del 2014.

Come il J-15, il J-31 ha finora volato solo con motori russi importati, anche se la Cina ha fatto passi avanti nei suoi sforzi in corso per perfezionare i propri sforzi di sviluppo di motori per aerei da combattimento indigeni.

Il caccia stealth Chengdu J-20 alimentato da motori indigeni ha fatto il suo debutto all’airshow di Zhuhai quest’anno, con un paio di aerei alimentati da motori WS-10C. Entrambi i jet portavano le insegne nazionali della People’s Liberation Army Air Force, anche se nessuno dei due portava numeri di serie militari a cinque cifre.

Questi aerei si uniranno al crescente numero di bimotori Shenyang J-11 e J-16, alimentati dal WS-10 indigeno dal 2011 o 2012. Il monomotore Chengdu J-10, alimentato dal WS-10, ha anche iniziato ad entrare in servizio, sostituendo il motore turbofan russo AL-31 dopo un lungo ciclo di sviluppo.

Tuttavia, gli esemplari di produzione del J-15, che come il J-11 e il J-16 traggono origine dalla famiglia di caccia multiruolo russi Sukhoi Su-27/30 Flanker, continuano ad essere alimentati dal motore russo.

Tommaso Dal Passo