CINA. Navi bersaglio USA per i missili di Pechino

170

L’esercito cinese ha costruito obiettivi a forma di una portaerei americana e di altre navi da guerra statunitensi nel deserto del Taklamakan come parte di un nuovo complesso di tiro al bersaglio, secondo USNI News. La sagoma in scala reale di una portaerei statunitense e almeno due cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke fanno parte del poligono di tiro che è stato costruito nella regione di Ruoqiang nella Cina centrale. Il sito è vicino a un ex poligono di tiro che la Cina ha usato per testare le prime versioni dei suoi missili balistici antinave DF-21D, nel 2013.

A differenza del bersaglio a forma di portaerei della Marina iraniana nel Golfo Persico, la nuova struttura mostra segni di un sofisticato poligono. L’obiettivo della portaerei stessa sembra essere una superficie piatta senza l’isola della portaerei, gli ascensori degli aerei, gli spazi delle armi o altri dettagli, secondo le immagini satellitari. Sul radar, la sagoma della portaerei si distingue dal deserto circostante come un’immagine bersaglio.

Ci sono altre due aree bersaglio che rappresentano una portaerei che non hanno la metallizzazione, ma sono distinguibili come portaerei a causa del loro profilo. Ma altri obiettivi di navi da guerra sembrano essere più elaborati. Ci sono numerosi pali verticali posizionati su di essi, forse per la strumentazione, secondo le immagini. In alternativa, questi possono essere utilizzati per i riflettori radar per simulare la sovrastruttura della nave.

L’analisi delle immagini satellitari mostra che la struttura del bersaglio della nave è stata costruita per la prima volta tra marzo e aprile del 2019. Ha subito diverse ricostruzioni ed è stato poi sostanzialmente smantellato nel dicembre 2019. Il sito è tornato in vita alla fine di settembre di quest’anno e la struttura era sostanzialmente completa all’inizio di ottobre. La Cina ha diversi programmi di missili balistici antinave supervisionati dalla People’s Liberation Army Rocket Force. Il missile terrestre CSS-5 Mod 5 (DF-21D) ha una portata di oltre 1481 km. Ha un veicolo di rientro manovrabile (MaRV) per colpire le navi. Il più grande CSS-18 (DF-26) ha una portata di circa 3700 km.

«Nel luglio 2019, l’esercito cinese ha condotto il suo primo lancio confermato dal vivo nel Mar Cinese Meridionale, sparando sei missili balistici antinave DF-21D nelle acque a nord delle isole Spratly», secondo l’ultimo rapporto annuale del Pentagono sull’esercito cinese.

I cinesi stanno anche mettendo in campo un missile balistico antinave a più lunga gittata, emerso inizialmente nel 2016: «Il multiruolo DF-26 è progettato per scambiare rapidamente testate convenzionali e nucleari ed è in grado di condurre dalla Cina continentale attacchi terrestri e antinave di precisione nel Pacifico occidentale, nell’Oceano Indiano e nel Mar Cinese meridionale. Nel 2020, la Cina ha sparato missili balistici antinave contro un bersaglio mobile nel Mar Cinese Meridionale, ma non ha riconosciuto di averlo fatto», si legge nel rapporto.

Oltre ai missili balistici antinave terrestri, la Cina ha un programma per equipaggiare i bombardieri H-6 della Marina dell’Esercito Popolare di Liberazione con un massiccio missile balistico antinave. Rivelato per la prima volta nel 2018, il CH-AS-X-13 sarà probabilmente il più grande missile lanciato dall’aria esistente, e sarebbe abbastanza grande da ospitare una testata ipersonica.

Un’altra possibile piattaforma di lancio per missili balistici antinave è il nuovo cacciatorpediniere di grandi dimensioni Type-055 Renhai Class. Descritto come un incrociatore lancia missili, sarà in grado di trasportare missili balistici antinave, secondo il rapporto del Pentagono.

Antonio Albanese