CINA. Morgan Stanley prevede una grande ripresa economica

250

L’economia cinese sembra rimbalzare da una “mini-recessione” ad una ripresa con l’allentamento della politica finanziaria del paese, secondo Morgan Stanley. Pechino ha inasprito la sua politica monetaria in un “deleveraging aggressivo” mentre cercava di ridurre il debito nel settore immobiliare. È riuscito a tagliare il rapporto debito/Pil di 10 punti percentuali nel 2021, una portata che non si vedeva dal periodo 2003-2007, secondo Morgan Stanley in un rapporto del 21 dicembre, ripreso da Cnbc.

La banca d’affari ha detto che «il ritmo della stretta si è rivelato troppo aggressivo, considerando che la ripresa della crescita dei consumi è stata limitata a causa dell’ondata Delta e del continuo approccio Covid-zero della Cina, che ha mantenuto i consumi al di sotto del trend»; eppure, la banca vede la crescita del Pil in Cina accelerare al 5,5% nel 2022.

Gli analisti si aspettano generalmente che l’economia cinese cresca di circa il 5% nel 2022. Deutsche Bank stima una crescita di circa il 5%, mentre Nomura ha una previsione del 4,3%. Gli analisti hanno anche ridotto le loro previsioni per il PIL cinese del 2021, con stime che vanno dal 7,7% all’8,8%.

Morgan Stanley si aspetta una “ripresa” dell’economia cinese nel 2022 per una pausa sulla stretta finanziaria, allentando le politiche monetarie e fiscali nelle ultime settimane.

Nella seconda metà dell’anno, il settore immobiliare cinese è stato intrappolato in una crisi del debito, anche se gli sforzi di Pechino per ridurre il debito hanno iniziato a dare frutti. La politica cinese delle “tre linee rosse” pone un limite al debito in relazione ai flussi di cassa, alle attività e ai livelli di capitale di un’azienda. Questo ha iniziato a tenere a freno gli sviluppatori dopo anni di crescita alimentata da un debito eccessivo.

La debacle immobiliare ha anche intaccato la fiducia degli acquirenti di case, facendo crollare le vendite di immobili. Morgan Stanley ha detto, tuttavia, che il sollievo sta arrivando con una “ricalibratura” della politica “ora ben avviata”.

Inoltre, le restrizioni sulle importazioni di carbone australiano, i piani della Cina per ridurre le emissioni di carbonio e un’impennata delle esportazioni hanno contribuito ai tagli di corrente in tutto il paese all’inizio di quest’anno. Anche Morgan Stanley ha notato che gli obiettivi energetici e gli obiettivi di riduzione del consumo di energia si sono rivelati “troppo aggressivi”, dato che la crescita del Pil cinese si basa molto sulla produzione industriale: «Tuttavia, una volta che la questione della carenza di carbone è emersa, i responsabili politici sono intervenuti rapidamente ed efficacemente (…) Abbiamo già visto una rapida inversione di tendenza nella produzione e disponibilità di carbone, con le miniere che sono state riavviate e i produttori di elettricità che sono stati autorizzati ad aumentare i prezzi per coprire l’aumento dei costi di input», ha scritto Morgan Stanley.

La banca d’affari ha anche detto che l’approccio zero-Covid della Cina ha evitato interruzioni nella produzione delle fabbriche e ha persino portato a un aumento della sua quota di esportazioni globali; un contesto globale favorevole dovrebbe guidare ulteriormente una forte crescita commerciale, ha scritto Morgan Stanley.

Graziella Giangiulio