CINA. Megamulta contro Alibaba: abuso di posizione dominante

46

Il più grande mercato online del mondo, il cinese Alibaba, è stato colpito da una multa record equivalente a 2,75 miliardi di dollari. Gli enti regolatori in Cina hanno detto che il gigante di internet ha abusato della sua posizione dominante sul mercato per diversi anni.

In una dichiarazione, riporta la Bbc, la società ha detto che ha accettato la sentenza e «garantirà la sua conformità». Gli analisti dicono che la multa mostra che la Cina intende muoversi contro le piattaforme internet che pensa siano troppo grandi.

Anche se non è molto conosciuto fuori dalla Cina, all’interno del paese Alibaba è un colosso presente in molti settori. La vendita al dettaglio è la sua attività principale, ma il suo lavoro si è esteso ai pagamenti digitali, al credito e al cloud computing.

Gli enti regolatori hanno aperto un’indagine sulle pratiche monopolistiche dell’azienda a dicembre 2020. L’obiettivo principale dell’indagine era una pratica che costringe i commercianti a scegliere una delle piattaforme, piuttosto che poter lavorare con entrambe.

In una dichiarazione del 10 aprile, l’amministrazione statale cinese per la regolamentazione del mercato, Samr, ha detto che questa politica soffoca la concorrenza nel mercato cinese della vendita al dettaglio online e «viola le attività dei commercianti sulle piattaforme e i diritti e gli interessi legittimi dei consumatori».

La multa ammonta al 4% delle entrate di Alibaba nel 2019. I regolatori dicono che Alibaba ha limitato la concorrenza impedendo ad alcuni venditori di usare altre piattaforme.

Questa multa è l’ultima di una serie di eventi contro l’azienda che ha preso il via ad ottobre 2020, subito dopo che il suo co-fondatore, Jack Ma, ha detto a una riunione dei principali regolatori della Cina che stavano soffocando l’innovazione.

Jack Ma è ben noto in Cina come uno degli imprenditori di maggior successo del paese.

Anche gli altri giganti tecnologici del paese sono sempre più sotto pressione da parte dei regolatori preoccupati della loro crescente influenza.

Il mese scorso 12 aziende sono state multate per accordi che violavano le regole anti-monopolio. Le aziende includevano Tencent, Baidu, Didi Chuxing, SoftBank e una società sostenuta da ByteDance.

Maddalena Ingroia