CINA. L’inflazione va ben oltre le previsioni

119

I prezzi di fabbrica e al consumo in Cina sono aumentati più velocemente del previsto a marzo, mentre l’invasione russa dell’Ucraina, i persistenti colli di bottiglia della catena di approvvigionamento e gli intoppi nella produzione causati dalle esplosioni locali di Covid hanno aggiunto pressioni sui costi delle materie prime.

Come riporta AF, l’impennata dei costi delle materie prime sta frenando le economie di tutto il mondo e in Cina ha sollevato domande tra gli esperti su quanto la sua banca centrale sarà in grado di allentare la politica monetaria. L’indice dei prezzi alla produzione della Cina, Ppi, è aumentato dell’8,3% su base annua, secondo i dati dell’Ufficio Nazionale di Statistica usciti l’11 aprile. Anche se l’aumento è stato più lento dell’8,8% visto a febbraio, ha superato la previsione di un aumento del 7,9%  di Reuters.

Le pressioni a monte hanno spinto i prezzi al consumo, che sono aumentati dell’1,5% su base annua, aumento più veloce degli ultimi tre mesi, accelerando dallo 0,9% di febbraio e battendo le aspettative dell’1,2%.

Secondo Nomura, i possibili ritardi nella semina dei raccolti causati da nuovi focolai di Covid-19 in Cina e dal conflitto in Ucraina potrebbero creare nuove pressioni sui prezzi degli alimenti nella seconda metà dell’anno: «L’aumento dell’inflazione dei prezzi degli alimenti e dell’energia limita lo spazio per la People’s Bank of China di tagliare i tassi di interesse, nonostante il rapido peggioramento dell’economia», si legge in una nota della banca nipponica.

«Anche se l’aumento del Ppi su base annua è stato il più lento da aprile 2021, ciò è dovuto principalmente ai minori confronti dalla fine del 2020 e dall’inizio del 2021 visti nei mesi precedenti. L’aumento mensile dell’1,1%, nel frattempo, è stato il più veloce in cinque mesi, spinto dall’aumento dei prezzi del petrolio e dei metalli non ferrosi a causa di fattori geopolitici», si  legge in un comunicato di Nomura Business Service.

I prezzi dell’estrazione del petrolio e del gas sono cresciuti del 14,1% sul mese, e i prezzi del petrolio, del carbone e della lavorazione di altri combustibili sono aumentati del 7,9%. La seconda economia del mondo ha subito una pressione al ribasso nel mese di marzo, con nuovi focolai di Covid-19 e i settori manifatturiero e dei servizi che hanno riportato cali di attività.

Le autorità cinesi hanno usato politiche per sostenere l’economia, tra cui una maggiore spesa fiscale e riduzioni dell’imposta sul reddito per le piccole imprese. Mentre i prezzi al consumo sono aumentati, l’inflazione rimane modesta nel confronto globale, indicando un consumo debole causato dalle severe misure di controllo di Pechino. Rispetto a un anno fa, i prezzi dei prodotti alimentari sono scesi dell’1,5%, rispetto a un calo del 3,9% a febbraio, con un conseguente calo di 0,28 punti percentuali nel CPI principale.

La Cina ha riportato 26.411 nuovi casi asintomatici per domenica, più di 25.000 nel centro finanziario di Shanghai, che è attualmente sotto un blocco in tutta la città; l’economia di Shanghai si potrebbe ridurre del 6% solo ad aprile se l’attuale lockdown persistesse, con un conseguente calo del prodotto interno lordo del 2% per tutta la Cina. Per ora, la maggior parte degli esperti si aspetta che la Pboc abbassi i costi di prestito e tagli i requisiti di riserva per le banche o abbassi il tasso di interesse per pompare più contanti nell’economia.

Antonio Albanese