CINA. L’export di Terre Rare supera i livelli pre COVID 19

96

Le esportazioni cinesi di prodotti di terre rare nella prima metà dell’anno sono salite oltre i livelli pre-pandemici del 2019, mentre il più grande produttore mondiale degli elementi metallici recupera slancio nonostante i tentativi degli Stati Uniti di rafforzare la propria catena di approvvigionamento interno e alcune case automobilistiche occidentali di trovare fornitori alternativi.

Le esportazioni cinesi di terre rare, riporta Scmp, per volume nei primi sei mesi dell’anno sono state di circa 51.000 tonnellate, il 25,3 per cento in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e il 16,5 per cento al di sopra della prima metà del 2019, prima che la pandemia di coronavirus gettasse il commercio globale nel caos, secondo i recenti dati dell’agenzia doganale.

Le forti cifre delle esportazioni arrivano nonostante le crescenti tensioni tra la Cina e l’Occidente, e un nuovo progetto di legge che propone di rafforzare il controllo sulla produzione e la raffinazione delle terre rare, che Pechino vede come una risorsa strategica.

La Cina controlla circa il 90% della fornitura mondiale di terre rare, un gruppo di 17 elementi chimicamente simili che sono abbondanti in natura, ma difficili da estrarre. Questi elementi sono fondamentali per molti settori hi-tech, tra cui le telecomunicazioni, l’elettronica, l’aerospaziale, la difesa e la costruzione di automobili.

Insieme a materiali come il cobalto, il litio e il nichel, le terre rare sono un componente vitale nelle batterie che alimentano la crescente flotta di auto elettriche in tutto il mondo. Ma con la crescita dell’industria globale delle auto elettriche, cresce la diffidenza sulla dipendenza dalla Cina come fornitore principale di terre rare, utilizzate in magneti e batterie al litio.

Anche le esportazioni cinesi di batterie al litio hanno registrato un boom nei primi sei mesi dell’anno, crescendo del 66,5 per cento rispetto allo stesso periodo del 2020, mentre le esportazioni di auto elettriche e ibride elettriche sono aumentate più volte.

Molte case automobilistiche occidentali hanno cercato di sostituire le terre rare per anni e i produttori che ammontano a quasi la metà delle vendite globali dicono che ora stanno limitando il loro uso, secondo Reuters. Le major automobilistiche dicono di essere preoccupate non solo per l’approvvigionamento, ma anche per le enormi oscillazioni dei prezzi e i danni ambientali nella catena di approvvigionamento. Il consumo globale di terre rare per i magneti è previsto salire a 15,7 miliardi di dollari entro il 2030, quasi quattro volte il valore di quest’anno.

A febbraio, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato una revisione delle catene di approvvigionamento americano per i prodotti critici tra cui semiconduttori, prodotti farmaceutici, batterie per auto e minerali di terre rare che sono cruciali per le applicazioni hi-tech e la difesa. A marzo, il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha annunciato un’iniziativa da 30 milioni di dollari per assicurare una catena di approvvigionamento nazionale per le terre rare e altri minerali importanti nella produzione di batterie, come il cobalto e il litio.

Anche l’Unione europea sta portando avanti dei piani per rafforzare le catene di approvvigionamento di materiali critici, con la European Battery Alliance, composta da 500 membri, lanciata nel 2017 per assicurare una catena di valore stabile per la produzione di celle per batterie in Europa.

Tommaso Dal Passo