CINA. L’economia ha ampiamente superato lo stop imposto dal COVID 19

48

L’economia cinese è cresciuta ad un ritmo record nel primo trimestre, secondo i dati ufficiali usciti il 16 aprile, espandendosi del 18,3% rispetto ad un anno prima.

La crescita del prodotto interno lordo è stata più lenta del 19% previsto dagli economisti, riporta Reuters, e ha seguito il 6,5% di crescita nel quarto trimestre dello scorso anno.

È stata la crescita più forte almeno dal 1992, quando sono iniziate le registrazioni trimestrali ufficiali, anche se il numero principale è esagerato dal crollo dell’anno scorso associato alla pandemia, secondo Atf.

L’economia cinese si è ampiamente ripresa dalla paralisi indotta dal Covid dell’anno scorso, alimentata dai progressi della vaccinazione globale, dalle esportazioni resilienti e dallo stimolo del governo.

La seconda più grande economia del mondo dovrebbe crescere dell’8,6% quest’anno, sempre secondo Reuters, dopo un aumento del 2,3% l’anno scorso, che è stato il più debole in 44 anni, ma ha comunque reso la Cina l’unica grande economia ad evitare la contrazione.

Tuttavia, ci sono dubbi che la Cina possa sostenere il rapido ritmo di espansione man mano che svanisce la bassa base di confronto vista nella prima metà dello scorso anno.

«Con l’economia già al di sopra del suo trend pre-virus e il sostegno politico in fase di ritiro, il rimbalzo cinese post-Covid-19 si sta stabilizzando», prosegue Atf. Su base trimestrale, il Pil è aumentato dello 0,6% a gennaio-marzo, ha detto l’Ufficio Nazionale di Statistica cinese, rispetto alle aspettative per un aumento dell’1,5% e un guadagno rivisto del 3,2% nel trimestre precedente.

Il rimbalzo economico della Cina ha probabilmente accelerato bruscamente nel primo trimestre da un crollo indotto dal coronavirus all’inizio dell’anno scorso, spinto da una domanda più forte in patria e all’estero e dal continuo sostegno del governo alle piccole imprese.

La produzione industriale di marzo è aumentata del 17% rispetto a un anno prima, rallentando da un aumento del 35% nei primi due mesi. La crescita delle vendite al dettaglio di marzo dovrebbe raffreddarsi al 28% dal 33,8% di gennaio-febbraio.

Le vendite al dettaglio sono aumentate del 34,2% su base annua a marzo. Gli investimenti immobiliari in Cina sono aumentati del 25,6% a marzo, con le vendite di immobili per superficie che sono cresciute del 63,8% su base annua, in calo rispetto all’aumento del 104,9% dei primi due mesi dell’anno.

Graziella Giangiulio