CINA. Le obbligazioni immobiliari non si vendono più

94

Diversi fondi comuni d’investimento obbligazionari cinesi sono crollati in maniera significativa nelle ultime settimane, alla luce dei problemi dei debiti di Evergrande Group, Modern Land e Kaisa Group Holdings.

I fondi hanno iniziato un ripido declino dal 29 ottobre, in seguito alla notizia dell’inadempienza di Modern Land su un’obbligazione da 250 milioni di dollari in scadenza il 25 ottobre. Il forte calo ha spinto la performance da un anno all’altro di ogni fondo al 5% inferiore dei fondi della stessa categoria.

Secondo Asia Financial: «Al momento, le obbligazioni delle società immobiliari sono estremamente difficili da vendere». Alla fine del terzo trimestre, le obbligazioni sono in gran parte diminuite significativamente da quando la crisi di China Evergrande ha scatenato il panico del mercato a metà settembre. Gli investitori sono preoccupati per un più ampio contagio dal settore immobiliare, che ha visto una serie di mancati pagamenti del debito offshore e svendite di azioni e obbligazioni come China Evergrande, lo sviluppatore più indebitato del mondo, ripetutamente sull’orlo del fallimento.

Le inadempienze di Fantasia Holdings, Sinic Holdings e Modern Land delle loro obbligazioni in dollari il mese scorso, così come le tensioni sul debito di Yango Group e Kaisa Group, segnalate più di recente, hanno colpito le obbligazioni delle società immobiliari cinesi.

Molte obbligazioni di China Aoyuan Group e Yango Group sono scese sotto i 30 yuan (4,70 dollari), che è meno della metà del loro valore nominale di 100 yuan (15,7 dollari).

Dopo i bruschi cali del valore netto di Minsheng Royal Tianxin nei primi due giorni di questo mese, il fondo ha smesso di accettare nuove sottoscrizioni il 3 novembre e ha ora 288 milioni di yuan (45 milioni di dollari) in gestione.

La scorsa settimana, le azioni e le obbligazioni sono aumentate in seguito alle notizie dei media statali di un allentamento della regolamentazione, ma si ritiene che sia improbabile il fatto che le politiche per contenere i prezzi delle case, oramai alle stelle, vengano modificate in modo significativo.

Graziella Giangiulio