CINA. Le nuove regole antimonopolistiche colpiscono i giganti dell’E-commerce

85

L’ente regolatore del mercato cinese ha rilasciato nuove linee guida anti-monopolio domenica 7 febbraio che prendono di mira le piattaforme internet, inasprendo le restrizioni affrontate dai giganti tecnologici del paese come Alibaba e Tencent. Hanno anche colpito il discount online Vipshop Holdings Ltd con una multa di 3 milioni di yuan.

Vipshop è stato punito per la violazione di una legge che vieta la concorrenza sleale, che consente multe fino a 5 milioni di yuan. In confronto, altre aziende che sono state colpite con sanzioni dalla fine dello scorso anno sono state multate in base alla legge cinese anti-monopolio del 2008, che consente una multa massima molto più bassa di 500.000 yuan, riporta Atf.

La multa di Vipshop arriva mentre l’Amministrazione statale per la regolamentazione del mercato ha pubblicato le linee guida aggiornate su come la legge anti-monopolio colpisce le imprese internet, per prevenire la fissazione dei prezzi, così come l’uso di dati e algoritmi per manipolare il mercato.

Il Samr ha detto l’8 febbraio che da agosto a dicembre dello scorso anno, Vipshop aveva sviluppato un sistema per ottenere informazioni sui marchi che davano a Vipshop un vantaggio competitivo. Ha aggiunto che Vipshop ha usato il suo sistema per influenzare le scelte degli utenti, le opportunità di transazione e per bloccare le vendite di particolari marchi. Vipshop, quotata a New York, che ha un valore di mercato di circa 22 miliardi di dollari, ha detto di accettare i risultati di Samr e vi si adeguerà.

L’aumento del controllo da parte dei regolatori cinesi da dicembre include l’indagine su Alibaba, penalizzando le aziende sostenute da Alibaba e Tencent per non aver cercato revisioni antitrust per gli accordi, mentre altre aziende sono state anche multate per prezzi irregolari.

Le regole più severe complicheranno la raccolta di fondi internazionali per i giganti tecnologici cinesi e potrebbero ritardare un eventuale rilancio dell’Ipo di Ant che è stata tirata alla fine del 2020. Le nuove regole formalizzano un precedente progetto di legge anti-monopolio rilasciato a novembre e chiariscono una serie di pratiche monopolistiche che l’amministrazione cinese ha intenzione di reprimere.

Le linee guida mettono nuova pressione sui principali siti di e-commerce del paese, come i market place Taobao e Tmall di Alibaba, eJD. com; copriranno anche i servizi di pagamento come Alipay di Ant Group e WeChat Pay di Tencent.

Le regole vietano alle aziende una serie di comportamenti, tra cui costringere i commercianti a scegliere tra i principali operatori internet del paese, una vecchia pratica in Cina.

Samr ha detto che le ultime linee guida «fermeranno i comportamenti monopolistici nell’economia della piattaforma e proteggeranno la concorrenza leale nel mercato. L’avviso ha anche detto che fermerà le aziende dal fissare i prezzi, limitare le tecnologie e utilizzare dati e algoritmi per manipolare il mercato: «Il comportamento è più nascosto, l’uso di dati, algoritmi, regole della piattaforma e così via rendono più difficile scoprire e determinare quali sono gli accordi di monopolio».

Negli ultimi mesi, la Cina ha iniziato a rafforzare il controllo dei suoi giganti tecnologici, invertendo un approccio laissez-faire.

Graziella Giangiulio