CINA. Le nuove donne del China Evergrande Group

200

Conosciuta come la “Regina delle società di comodo”, Pollyanna Chu ha un nuovo ruolo: investment banker per il miliardario della Cina Evergrande Group, Hui Ka Yan. La Kingston Securities di Chu è stata l’unico gestore di due vendite di azioni il mese scorso da parte dell’unità di veicoli elettrici di Evergrande, aiutando la società a raccogliere più di 400 milioni di dollari nonostante una crisi di liquidità che ha fatto scendere le sue azioni del 90% quest’anno.

Come riporta Bloomberg, Kingston ha anche probabilmente giocato un ruolo nella vendita di Hui di una quota personale di 344 milioni di dollari in Evergrande la scorsa settimana. Mentre Hui ha usato le principali banche d’investimento, tra cui UBS Group AG e Haitong Securities per gli affari passati, il magnate cinese si sta rivolgendo all’intermediazione di Chu per la prima volta almeno dal 2016, mentre cerca di evitare il crollo del suo impero commerciale. Lo spostamento può in parte riflettere una diffidenza da parte di altre aziende a continuare a fare affari con Evergrande.

Chu è nota per le sue connessioni con i magnati di Hong Kong; dopo aver conseguito una laurea in gestione presso la Golden Gate University negli Stati Uniti, ha co-fondato Kingston nei primi anni Novanta per aiutare le imprese locali a raccogliere fondi. Tra i suo iclineti, il patrono della Mattel e di Hasbro ad esempio, pur essendo finita nel mirino delle autorità nel 2019 in una indagine sugli illeciti di mercato, uscendone indenne.

La struttura concentrata della società madre di Kingston è stata oggetto di un avvertimento del regolatore finanziario di Hong Kong nel 2018 che ha contribuito ad affondare il titolo, che ha perso il 95% del suo valore di mercato negli ultimi quattro anni. Chu non è l’unico volto nuovo ad entrare nell’orbita di Hui. Vi entra anche un’altra donna Li Shao Yu, donna d’affari che possiede diverse grandi partecipazioni in società quotate a Hong Kong, dopo aver acquistato una quota di 273 milioni di dollari di HengTen Networks Group Ltd. da Evergrande il mese scorso.  Allo stesso tempo, alcuni dei finanziatori abituali sono usciti come Chinese Estates Holdings Ltd che ha ridotto la partecipazione in Evergrande al 2,36% dal 9%; China Strategic Holdings Ltd., che ha iniziato a investire nell’unità Ev di Evergrande nel 2015, ha venduto azioni a settembre.

Lucia Giannini