CINA. La ricetta politica di Hong Kong si applica anche a Macao

65

Il governo di Macao ha eliminato 21 candidati democratici dalla corsa alle prossime elezioni legislative. Dopo l’annuncio della squalifica fatto il 9 luglio, l’ufficio di Pechino per gli affari di Hong Kong e Macao ha espresso sostegno alla decisione di Macao e ha sottolineato che è necessario sostenere il principio dei “patrioti che governano Macao”.

L’opposizione è rimasta scioccata dalla decisione, poiché alcuni dei candidati squalificati sono stati per anni nell’organo legislativo. Per esempio, Antonio Ng Kuok-cheong, il presidente fondatore del partito filodemocratico New Macau Association, è in carica dal 1992, riporta Global Voices.

Anche se i 21 candidati avevano precedentemente promesso di sostenere la micro-costituzione di Macao, nota anche come Legge fondamentale, e di essere fedeli alla regione amministrativa speciale di Macao, Sar, gli affari elettorali hanno affermato di avere “prove concrete” fornite dal Segretariato per la sicurezza che dimostravano che i loro giuramenti non erano autentici.

Le elezioni del 2021 dell’Assemblea legislativa di Macao avranno luogo il 12 settembre. L’organo legislativo ha 33 membri, con 14 eletti direttamente, 12 eletti indirettamente e 7 nominati. Il partito democratico aveva solo quattro seggi, vinti attraverso elezioni dirette nel 2017. I 21 candidati squalificati dovevano competere per sei seggi a settembre.

Antonio Ng Kuok-cheong, che ha iniziato a servire nella legislazione prima che l’ex colonia portoghese si riunisse alla Cina nel 1999 e ha continuato il suo servizio dopo che la legge sulla sicurezza nazionale di Macao è stata promulgata nel 2009, ritiene che la decisione sia stata politica. In un’intervista con Hong Kong Free Press ha detto: «Siamo sicuri al 100% di dire che non abbiamo violato alcun requisito delle leggi elettorali, e sicuri al 100% che noi non abbiamo avuto alcuna azione o prova che dimostri che non abbiamo sostenuto la Ras di Macao e la Legge fondamentale (…) Naturalmente, se si tratta di una decisione politica forte, non ci sarà un appello efficace (…) Immagino che questo sia naturalmente legato alla situazione di Hong Kong, poiché le squalifiche sono comuni lì, e con la legge sulla sicurezza nazionale, la soppressione è diventata più forte, non è una sorpresa che il loro approccio alle due città appaia identico».

Sia Macao che Hong Kong sono città ex-coloniali che sono state unificate con la Cina con il veicolo politico “Un paese due sistemi” dell’ex leader del governo cinese Deng Xiaoping, che ha offerto ad ogni città un “alto grado di autonomia”. La Cina si aspettava che l’implementazione a Hong Kong e Macao sarebbe servita come modello per la loro eventuale unificazione con Taiwan.

Mentre Hong Kong ha un forte movimento democratico, i partiti di opposizione di Macao sono relativamente deboli e hanno poca influenza nel processo decisionale e nell’opinione pubblica. Inoltre, a differenza di Hong Kong, Macao ha approvato la legge sulla sicurezza nazionale nel 2009 e la fedeltà dell’opposizione non è mai stata messa in discussione.

La squalifica dei 21 candidati epurerà l’Assemblea legislativa di Macao da tutte le voci dell’opposizione.

Per rispondere alle preoccupazioni dell’opinione pubblica, sono stati rivelati i 7 criteri per valutare la fedeltà dei candidati il 12 luglio 2021: 1) sfida all’ordine costituzionale stabilito dalla Costituzione cinese (compresa la dittatura del Partito comunista cinese) e la Legge fondamentale di Macao;

2) sfida l’unità del paese e l’integrità territoriale; 3) collusione con una potenza straniera, il che include accettare finanziamenti o partecipare ad attività di formazione contro la Cina organizzate da organizzazioni anti-Cina all’estero; 4) diffamare la Repubblica Popolare Cinese e la Ras di Macao; 5) minare la sovranità e la sicurezza nazionale; 6) contestare la legislazione, le interpretazioni e le decisioni approvate dall’Assemblea nazionale del popolo o dal suo comitato permanente; 7) incoraggiare altri a svolgere le attività elencate nei primi sei punti.

Secondo i criteri e i meccanismi di screening di cui sopra, tutta l’opposizione sarebbe bandita dall’Assemblea legislativa di Macao. La stessa serie di criteri di screening potrebbe essere applicata anche a Hong Kong nelle prossime elezioni del Consiglio legislativo di dicembre.

Graziella Giangiulio