CINA. La crisi del debito immobiliare di Evergrande inizia ad allargarsi

237

L’intensificarsi della crisi del gruppo cinese Evergrande, lo sviluppatore immobiliare più indebitato del mondo, sta causando scosse nei mercati cinesi e alimentando i timori che ci possano essere conseguenze dannose per il sistema finanziario cinese. Gli investitori internazionali non stanno più solo evitando le obbligazioni di Evergrande: anche il debito emesso da altri sviluppatori collegati è crollato. Le banche con esposizione al settore immobiliare cinese sono sotto esame.

E con i creditori arrabbiati che scendono al quartier generale di Evergrande, e gli appaltatori non pagati che bloccano i suoi cantieri in tutto il paese, la debacle sta attirando anche l’attenzione pubblica. La domanda per gli investitori – e per le autorità cinesi – è se il problema inizierà ad alimentarsi da solo o se il contagio può essere evitato.

Il 20 settembre, le azioni di Evergrande sono crollate di un ulteriore 17% nella sessione mattutina a Hong Kong, portando le perdite annuali all’86%. I travagli della società hanno scatenato un sell-off nei titoli immobiliari quotati in città, con l’indice Hang Seng Property che è crollato del 6,6% al suo livello più basso dal 2016 e il più ampio indice Hang Seng in calo del 3,9% ad un certo punto. I mercati della Cina continentale erano chiusi per festività.

L’Ice BofA Asian Dollar High Yield Corporate China Issuers Index è scivolato ad un minimo di più di 16 mesi la scorsa settimana e il premio che le obbligazioni spazzatura emesse dagli Stati Uniti dei mutuatari cinesi comandano rispetto ai loro colleghi continentali è salito ad un massimo storico questo mese, indicando l’avversione degli investitori globali al debito cinese.

Il settore immobiliare è stato per anni la spina dorsale della crescita della seconda economia mondiale. Gli investimenti immobiliari hanno raggiunto una media del 13,5% del prodotto interno lordo negli ultimi cinque anni, secondo le stime di Fitch, tre volte il livello dell’economia statunitense. Aggiungendo l’edilizia e i settori affini, il numero raddoppia.

Il presidente cinese Xi Jinping sta cercando di attenuare l’ossessione della nazione per la proprietà e ha detto che «l’alloggio serve per vivere, non per la speculazione». Negli ultimi mesi le autorità hanno preso di mira tutto, dalle approvazioni dei mutui e l’esposizione delle banche alle abitazioni, alla crescita degli affitti e ai prezzi dei terreni, per ottenere un maggiore controllo sul mercato. Hanno anche imposto severe linee guida sulla leva finanziaria delle società immobiliari nell’ambito della politica delle “Tre linee rosse”, con quelle che infrangono i limiti che non possono prendere in prestito di più.

I prestiti in sofferenza al settore immobiliare sono aumentati del 30% nelle cinque maggiori banche a 97 miliardi di yuan (15 miliardi di dollari) nei primi sei mesi dell’anno. Le società immobiliari hanno costituito circa il 30% delle inadempienze obbligazionarie del primo semestre. Le banche e i prime broker non accettano più come garanzia il debito emesso da alcuni sviluppatori altamente indebitati.

I regolatori cinesi hanno già avvertito dei rischi più ampi per il sistema finanziario del paese se i 305 miliardi di dollari di passività di Evergrande non sono contenuti, e le hanno detto di tagliare urgentemente il suo debito. La società deve soldi a più di 128 banche e circa 121 istituzioni non bancarie, secondo il contenuto di una lettera trapelata scritta da Evergrande al governo alla fine dello scorso anno.

Un default del settore immobiliare potrebbe ancora avere ampie conseguenze. Potrebbe danneggiare la fiducia dei consumatori se la gente dovesse perdere i depositi per le case che non sono ancora state completate, o se paralizzasse i fornitori e gli appaltatori che sono grandi datori di lavoro. Questo, a sua volta, potrebbe esacerbare le inadempienze in tutto il settore bancario.

L’economia cinese ha stentato ad agosto, danneggiata dalle misure pandemiche e dalle restrizioni sui prestiti immobiliari. La crescita delle vendite al dettaglio il mese scorso è rallentata al 2,5% rispetto a un anno fa, e le vendite di case in valore sono crollate del 20%, il più grande calo dall’inizio dell’anno scorso, quando l’inizio della pandemia ha richiesto un blocco. Gli investimenti in costruzioni, nel frattempo, si sono contratti del 3,2% nei primi otto mesi dell’anno.

Graziella Giangiulio