CINA. La crisi del debito delle aziende peggiora l’outlook di Pechino 

49

L’instabilità del mercato del debito societario potrebbe peggiorare le prospettive economiche in Cina, in quanto aggrava la stretta finanziaria che le piccole e medie imprese devono sopportare, si legge nel nuovo studio del Korea Center for International Finance, Kifc, uscito il 20 settembre e ripreso da Asia Times.

Il debito corporate della Cina è quasi quadruplicato l’anno scorso a 120.96 miliardo yuan da un anno prima. E le cose non hanno mostrato un segno di miglioramento quest’anno in quanto le inadempienze del debito societario da gennaio a luglio ammontavano a poco meno di 71 miliardi di yuan, il 60% del default dell’anno scorso, dice il rapporto. Il rapporto del Korea Center for International Finance ha citato tre questioni per l’aumento delle inadempienze: maggiore maturità, rallentamento economico e rafforzamento della regolamentazione governativa sui debiti. La Cina ha rapidamente aumentato la sua emissione di debito dopo la crisi finanziaria globale a causa dei bassi tassi d’interesse e di un allentamento della regolamentazione governativa. La scadenza delle obbligazioni societarie è aumentata del 47% all’anno dal 2017 al 2019.

Ora, il rallentamento economico causato dalla controversia commerciale USA-Cina ha indebolito la redditività delle imprese cinesi, danneggiando la loro capacità di ripagare i debiti. Anche l’inasprimento delle normative governative cinesi sull’emissione di obbligazioni societarie e sul sistema bancario ombra ha creato difficoltà con i prestiti alle imprese, poiché i finanziamenti sono diventati più limitati. «A fronte di un ritardo nella ristrutturazione delle imprese, vi sono timori di una diffusione del rischio di credito alle banche più piccole da parte delle imprese, nonostante la politica di stimolo del governo cinese, in quanto la prolungata controversia commerciale Usa-Cina ha notevolmente attenuato il sentimento economico (…) Se il mercato immobiliare si contraesse, l’impatto potrebbe essere aumentato».

In Cina, il settore immobiliare è utilizzato come garanzia per le obbligazioni societarie. E il settore immobiliare ha la parte più consistente di obbligazioni societarie in scadenza l’anno prossimo, con il 35,6% delle obbligazioni societarie cinesi in scadenza nel 2020. La Kicf ha anche sottolineato che l’aumento delle inadempienze sulle obbligazioni societarie può causare una contrazione del mercato primario indebolendo il sentimento degli investitori. Questo, a sua volta, potrebbe portare a un altro circolo vizioso di default.

Tuttavia, la Kicf ha detto che l’aumento del rischio di credito non dovrebbe portare a una crisi economica a causa dell’elevato tasso di risparmio della Cina e della politica del governo per ridurre il debito.

Si dice che il rapporto del debito societario cinese è sceso al 151,6% alla fine del 2018, da un picco del 162,6% nel primo trimestre del 2016.

Graziella Giangiulio