CINA. Il populismo di Xi assomiglia molto a quello di Mao

79

Il partito comunista al potere sta rafforzando il controllo politico sule major giganti cinesi di internet e sta attingendo alla loro ricchezza per pagare le sue ambizioni di ridurre la dipendenza dalla tecnologia statunitense ed europea. Le misure anti-monopolio e di sicurezza dei dati a partire dalla fine del 2020 hanno scosso l’industria, che ha prosperato per due decenni con poca regolamentazione. Il nervosismo degli investitori ha cancellato più di 1,3 milioni di miliardi di dollari dal mercato della piattaforma di Alibaba, dei giochi e Tencent e di altri giganti tecnologici.

Il partito, riporta Abc, dice che la legge anti-monopolio sarà una priorità fino al 2025, e dice che la concorrenza aiuterà a creare posti di lavoro e ad aumentare gli standard di vita. Il governo del presidente Xi Jinping è probabile che mantenga questa politica anche se la crescita economica soffrirà.

La stretta riflette l’enfasi pubblica di Xi sulla rinascita della “missione originale” del partito di guidare lo sviluppo economico e sociale e potrebbe anche aiutare Xi politicamente se, come previsto, riuscirà ad avere un terzo mandato quinquennale come leader del partito. I leader cinesi non vogliono reimporre il controllo diretto dell’economia, ma vogliono che le aziende del settore privato si allineino ai piani del partito.

Le compagnie internet cinesi e i loro fondatori miliardari, tra cui Jack Ma di Alibaba Group e Pony Ma di Tencent Holdings, sono tra i più grandi successi globali degli ultimi due decenni. Ma i piani del partito enfatizzano i robot, i chip e altri hardware, così queste aziende si stanno affrettando a mostrare la loro lealtà spostando miliardi di dollari in quei settori.

La campagna del partito sta lanciando segnali su una futura divisione dei mercati separati con tecnologia incompatibile. Alibaba ha detto che investirà 28 miliardi di dollari per sviluppare software per sistemi operativi, chip per processori e tecnologia di rete. L’azienda ha promesso 1 miliardo di dollari per coltivare 100.000 sviluppatori e startup tecnologiche nei prossimi tre anni.

Nel 2020, Tencent ha promesso di investire 70 miliardi di dollari in infrastrutture digitali. Meituan, una piattaforma di e-commerce, consegna e servizi, ha raccolto 10 miliardi di dollari per sviluppare veicoli e robot a guida autonoma.

I funzionari cinesi riconoscono che la campagna impone un costo economico ma non sono disposti a parlare; gli investitori, scottati dal calo delle azioni tecnologiche, non stanno investendo: la capitalizzazione di mercato di Tencent di 575 miliardi di dollari è scesa di 350 miliardi di dollari dal suo picco di febbraio, un calo pari a più del valore totale di Nike Inc. o Pfizer Inc.

Nel frattempo, il governo di Xi sta rafforzando il controllo sui dati raccolti dalle aziende private sul pubblico – specialmente da Alibaba e Tencent, che hanno centinaia di milioni di utenti. I leader cinesi vedono le informazioni sui suoi 1,4 miliardi di persone come uno strumento per ottenere una visione del pubblico e dell’economia, e un potenziale rischio per la sicurezza in mani private.

Una legge che entra in vigore il 1° novembre stabilisce gli standard di sicurezza, vieta alle aziende di divulgare le informazioni senza il permesso del cliente e dice loro di limitare quanto raccolgono. A differenza delle leggi sulla protezione dei dati nei paesi occidentali, le regole cinesi non dicono nulla sul limitare l’accesso del governo o del partito al potere alle informazioni personali.

Pechino sta anche stringendo le maglie del controllo per ridurre il divario di ricchezza politicamente sensibile della Cina, spingendo i giganti tecnologici a condividere la loro ricchezza con i dipendenti e i consumatori.

Questi piani di ridistribuzione del reddito ricordano la mobilitazione di massa e le strategie populiste degli anni ’50 e ’60 sotto Mao Tse Tung.

Lucia Giannini