CINA. Il nuovo asse sino russo visto da Pechino

138

Dal punto di vista occidentale, il ventesimo secolo è stato uno stallo mortale contro le ideologie del fascismo e del comunismo, seguito da un altro tra capitalismo e comunismo come sistemi politici ed economici. Tutte queste visioni del mondo e dottrine si sono formate in Europa più di cento anni fa, riporta Meduza.

Nel frattempo, nascosto dal conflitto tra capitalismo e socialismo c’era un altro confronto. La Guerra fredda trascinò spietatamente i paesi terzi, soffocando la loro ricerca di decolonizzazione, la costruzione di nazioni sovrane e la formazione di sistemi politici propri. Da un punto di vista non occidentale, il principale sviluppo globale del ventesimo secolo è stata la comparsa di stati nazionali indipendenti dalle rovine degli imperi europei e asiatici.

In questo prolungato e doloroso conflitto con l’Occidente, che va molto più indietro della Guerra fredda, la Russia occupa una posizione unica e dualistica sia in termini geografici che storici. In un recente incontro con il suo omologo cinese Wang Yi, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha firmato una dichiarazione congiunta su diverse questioni di governance globale, in cui si afferma che i diritti umani dovrebbero essere protetti «in conformità con le specificità nazionali». La Cina è stata a lungo in contrasto con i suoi partner occidentali sui diritti umani.

La Cina, insieme al resto del mondo in via di sviluppo, sceglie di dare priorità ai diritti economici e sociali, in contrasto con l’attenzione occidentale sui diritti civili e politici. Le critiche per le violazioni dei diritti umani in Tibet e nello Xinjiang sono prese dai politici cinesi non nel contesto della Guerra Fredda, ma nel contesto del Secolo dell’Umiliazione, il periodo che si è concluso con l’istituzione della Repubblica Popolare Cinese nel 1949. I leader dello stato cinese contemporaneo agiscono come rappresentanti di una preminente potenza non occidentale che cerca di superare le sfide che ha ereditato dal periodo coloniale.

Questi leader quindi percepiscono i diritti umani e la diffusione della democrazia come nient’altro che il tentativo dell’Occidente di insegnare ai barbari orientali ad essere “civilizzati”. Il partito comunista cinese basa la sua legittimità non sull’ideologia, che ha perso la sua rilevanza quando la guerra fredda è finita, ma sul suo ruolo di potenza che costruisce la nazione. È stato il partito, dopo tutto, a porre fine all’era in cui la Cina ha subito perdite territoriali ed economiche dalle azioni delle grandi potenze, vale a dire Gran Bretagna, Francia, Stati Uniti e, Russia.

Anche se l’Unione Europea continua ad essere il principale partner commerciale della Russia, il commercio con la Cina è in aumento e Pechino ha già superato la Germania nel ruolo di principale fornitore di attrezzature industriali della Russia. Le quantità relativamente modeste di gas naturale russo esportato in Cina sono in aumento. La collaborazione militare sta diventando sempre più stretta e si esprime soprattutto sotto forma di esercitazioni congiunte.

Ci sono prospettive realistiche che la Russia entri nella sfera d’influenza tecnologica della Cina, in particolare nel campo della costruzione di reti 5G. Mentre è ancora conveniente per i politici del Cremlino giocare il ruolo di guerrieri zelanti contro l’Occidente, il partner non occidentale di Mosca, Pechino, ha una prospettiva secolare. Così, anche se la Russia si è avvicinata alla Cina e si schiera dalla parte della Cina nella battaglia con l’Occidente, la Russia appartiene ancora all'”Occidente storico” e, come tale, dovrà affrontare le rimostranze della Cina la cui esatta portata di no è chiara.

Graziella Giangiulio