CINA. Huawei crea allevamenti intelligenti di maiali e mette da parte i telefoni

311

Huawei prevede che le sue vendite di cellulari potrebbero diminuire del 60% quest’anno, per questo l’azienda ha deciso di mettersi nel business dell’allevamento di maiali in Cina.

Il 19 febbraio, Huawei ha annunciato che ai fornitori è stato detto di ridurre la produzione. Huawei prevede che le spedizioni di telefoni cellulari quest’anno scenderanno di oltre il 60% a circa 70 milioni di unità. Questo segue le spedizioni di cellulari dell’azienda che calano del 40% nel quarto trimestre del 2020.

Vietato ricevere chip per computer di fascia alta dagli Stati Uniti e da altri fornitori, Huawei ha annunciato il suo ingresso nell’industria dei maiali attraverso un Programma intelligente di allevamento di maiali. Inoltre, Huawei ha finanziato o creato più di 100 istituti di ricerca e laboratori orientati alle applicazioni che studiano aeroporti, porti e carbone, nel tentativo di fornire servizi digitali e sistemi software per varie industrie.

Come gigante della tecnologia, l’ingresso di Huawei nel “settore dell’allevamento” non è così sorprendente: molte aziende tecnologiche stanno entrando nel business della produzione alimentare e in Cina questo è particolarmente rilevante, dato che la carenza di cibo è una grande paura a causa dei problemi endemici del bestiame e la velocità con cui le crisi meteorologiche causate dal cambiamento climatico, come le epiche inondazioni nel bacino del fiume Yangtze lo scorso anno, stanno distruggendo le rese dei raccolti.

Come braccio del governo cinese, Huawei sta seguendo la prima direttiva del nuovo anno per concentrarsi sugli affari rurali e meccanizzare la produzione alimentare.

L’ufficio informazioni del Consiglio di Stato ha tenuto una conferenza stampa il 22 febbraio per presentare le mosse per rivitalizzare e accelerare la modernizzazione agricola e rurale. Il prezzo della carne di maiale è un argomento importante in Cina, ed è nuovamente aumentato di recente.

Il ministero dell’Agricoltura e degli Affari Rurali ha detto di aver preso una serie di misure per sostenere il ripristino della capacità di produzione suina e stabilizzare l’offerta del mercato dall’anno scorso. Secondo il suo piano originale, lo stock nazionale di suini doveva essere ripristinato alla sua produzione “normale” – l’80% del livello del 2017 – alla fine del 2020. Alla fine dell’anno scorso, è stato recuperato a più del 92%, 12 punti percentuali in più del previsto. Quindi, recentemente, l’impatto di ciò è stato goduto durante i “due festival”, dato che non c’era stato un così grande aumento del prezzo, come visto in precedenza in quel periodo. L’offerta e la domanda complessive sul mercato sono ora buone.

La produzione cinese di carne di maiale è stata drasticamente ridotta dall’influenza suina africana l’anno scorso, e i funzionari hanno espresso una grande paura che le importazioni fossero infettate dal Covid-19. Si prevede che nel primo trimestre di quest’anno, la produzione dovrebbe aumentare di circa il 40% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Entro il secondo trimestre, intorno a giugno, lo stock di maiali dovrebbe essere riportato al livello del 2017. Nella seconda metà dell’anno, la produzione di suini vivi e l’offerta di carne suina dovrebbero gradualmente tornare a livelli normali.

Pechino attribuisce grande importanza a questo problema, chiedendo di proteggere la produzione di base di suini vivi e un solido meccanismo a lungo termine per uno sviluppo stabile e ordinato dell’industria suina. Quindi il recupero è l’obiettivo attuale, con l’obiettivo di rendere stabile anche la produzione a lungo termine.

Recentemente, la sezione di visione artificiale di Huawei ha lanciato un “programma di allevamento intelligente di maiali” volendo digitalizzare lo sviluppo dell’industria dell’allevamento in modo che potesse diventare “intelligente” e non presidiata da uomini.

Ciò significa togliere gli allevatori, dato che questo sistema di allevamento di maiali include il monitoraggio del dashboard, l’analisi dei big data, la gestione digitale, il supporto per il riconoscimento AI, l’apprendimento AI, la previsione AI e il processo decisionale AI.

Ma la notizia dell’allevamento intelligente di maiali di Huawei ha causato un’accesa discussione. Stando a quanto riporta Sina.com hanno riferito che i netizen su Weibo credono che il “programma di allevamento intelligente di maiali” di Huawei coinvolga un accordo strategico con il ministero dell’Agricoltura, che assisterà gli agricoltori e l’industria dell’allevamento e introdurrà importanti cambiamenti in futuro.

Antonio Albanese