CINA. Fondi pensione europei investono nel debito sovrano di Pechino

110

Il mercato del debito sovrano cinese da 16.000 miliardi di dollari (rating A+, con rendimenti del 3%, volatilità minima) sta diventando troppo grande per essere ignorato, anche dagli investitori occidentali.

La Cina sembra sempre più attraente per i fondi pensione europei che si muovono in rendimenti obbligazionari sotto lo zero, mentre l’invecchiamento generalizzato allunga i tempi. Per alcuni, i benefici stanno cominciando a superare i rischi politici, e stanno aumentando le allocazioni in Cina, o stanno considerando di farlo. Come stanno facendo ad esempio i fondi pensione.

I dati del Central China Depository & Clearing Co, ripreso da Reuters, mostrano che quasi 200 fondi stranieri hanno investito in obbligazioni cinesi alla fine di settembre attraverso il China Interbank Bond Market, il 42% sopra i livelli di un anno fa.

Questo interesse per i fondi è una manna per Pechino, che sta cercando di internazionalizzare i suoi mercati finanziari e di attirare gli investitori d’oltreoceano, dato che le sue eccedenze commerciali, una volta potenti, stanno diminuendo. Il solo settore pensionistico europeo vale 4 trilioni di dollari.

Il mercato del debito sovrano cinese è il secondo più grande al mondo dopo gli Stati Uniti. Tuttavia, mentre gli stranieri possiedono un terzo del mercato del Tesoro americano, detengono solo il 9,7% del debito sovrano cinese, secondo i dati del governo, ma la loro presenza sta crescendo.

Dei 9.500 miliardi di dollari di asset in gestione da parte di fondi pensione aziendali e pubblici a livello globale, lo 0,26% era detenuto in obbligazioni cinesi a partire dal terzo trimestre del 2020, in crescita rispetto allo 0,04% del 2015, secondo Asia Times. La spinta di Pechino ad attirare il denaro straniero ha subito dei danni creati dall’espulsione di aziende e titoli cinesi dal mercato Usa e dalle restrizioni sui fondi pensione del governo degli Stati Uniti che investono in Cina.

I critici a questo avvicinamento citano potenziali insidie come una minore trasparenza e liquidità del mercato. Inoltre, alcuni dicono che il paese deve ancora andare avanti nell’apertura dei suoi mercati e si preoccupano che mentre i controlli sui capitali, che hanno reso difficile il rimpatrio dei profitti, sono stati allentati, potrebbero anche essere rafforzati.

La gestione relativamente riuscita della crisi del Covid-19 e le prospettive economiche più brillanti della Cina hanno comunque aumentato la fiducia.

I fondi pensione stessi sono notoriamente riservati sulle loro tendenze di allocazione degli investimenti, tuttavia i loro gestori di denaro, e alcune banche centrali che tracciano i flussi di investimento, possono fornire una finestra.

La Cina ha intensificato gli sforzi per aprire i mercati obbligazionari solo nell’ultimo decennio, quindi gli investimenti esteri partono da una base bassa. Mentre un aumento dell’interesse più ampio per gli investimenti non è un fenomeno nuovo, i fondi pensione stanno ora iniziando a seguire il flusso.

Secondo i dati Reuters, il 2020 è stato un anno spartiacque, con i rendimenti obbligazionari dei paesi più sviluppati che sono crollati, combinato con la Cina che ha allentato le restrizioni sugli investimenti esteri.

I fondi pensione olandesi hanno tenuto 22,4 miliardi di euro di investimenti complessivi in Cina a partire dal terzo trimestre del 2019, principalmente in azioni, con appena 300 milioni di euro in obbligazioni, ha detto la banca centrale olandese. Questo dato è in aumento rispetto ai 200 milioni di euro in obbligazioni nel 2017.

Gli ultimi dati disponibili della banca centrale tedesca mostrano che i fondi tedeschi, compresi i fondi pensione, hanno investito un totale di 2,5 miliardi di euro in obbligazioni cinesi nel solo novembre 2020, un aumento del 62% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Lo svedese Ap2, un fondo pensione nazionale che pubblica la sua allocazione in Cina, ha un’allocazione stabile dell’1% in titoli di stato cinesi dal 2017. Gestisce circa 43 miliardi di dollari di attività.

La Cina, da parte sua, ha bisogno del denaro delle pensioni d’oltremare, poiché il suo spostamento verso un’economia basata sul consumo ha diminuito le sue eccedenze commerciali. Il denaro delle pensioni ha anche un cachet particolare, a causa delle dimensioni, i risparmi pensionistici nelle prime 22 economie attualmente superano i 45.000 miliardi di dollari.

Tutto questo ha motivato la Cina a facilitare l’accesso ai suoi mercati, permettendo alle sue obbligazioni di unirsi ai benchmark del debito di alto profilo compilati da Ftse Russell e Bloomberg/Barclays.

Graziella Giangiulio