CINA. Esercitazioni navali congiunte anti USA

106

La Marina Militare cinese di tre dei comandi di teatro dell’esercito cinese hanno effettuato una serie di esercitazioni separate a fuoco vivo negli ultimi giorni. È la seconda esercitazione di questo tipo in poco più di un mese, simili esercitazioni fanno parte degli sforzi per contrastare le sfide militari degli Stati Uniti.

L’emittente televisiva statale Cctv ha riferito il 17 maggio che i comandi dell’Esercito Popolare di Liberazione dell’Est, del Nord e del Sud hanno tenuto esercitazioni militari come parte di «un test completo della capacità operativa complessiva di una formazione navale nel contesto del combattimento reale». Non ha specificato quando e dove si sono svolte le esercitazioni.

La marina cinese durante le esercitazioni a fuoco vivo hanno simulato manovre per contrastare la presenza degli Stati Uniti. Cacciatorpediniere e corvette lanciamissili guidati hanno preso parte gestendo simulazioni al fuoco e alla difesa antimissile e alle esercitazioni di assalto marittimo.

Le esercitazioni hanno coinvolto i comandi di teatro orientale, settentrionale e meridionale, secondo Cctv. La televisione di stato cinese riporta che i comandi dell’Esercito Popolare di Liberazione dell’Est, del Nord e del Sud hanno tenuto esercitazioni militari come parte di «un test completo della capacità operativa complessiva di una formazione navale nel contesto del combattimento reale». Non ha specificato quando e dove si sono svolte le esercitazioni.

L’esercitazione dell’Eastern Theatre Command – che sorveglia il Mar Cinese Orientale e lo Stretto di Taiwan – ha coinvolto i cacciatorpediniere a missili guidati Type 052D Zibo e Xiamen e la fregata Type 054A Anyang. La corvetta Type 056A Huangshi, con il Northern Theatre Command che sorveglia la Baia di Bohai e il Mar Giallo, ha anche preso parte a un allenamento di fuoco nelle acque del Mar Giallo.

Nel frattempo, una formazione navale di corvette di tipo 056A, la Nanchong e la Wenshan, con il Comando del Teatro del Sud, ha anche preso parte a un addestramento congiunto sulla difesa antimissile e l’assalto marittimo, ha detto il rapporto.

La Marina cinese ha iniziato il suo programma di addestramento annuale il mese scorso, e da allora ha tenuto due esercitazioni di fuoco vivo da parte delle flotte della marina attaccate a diversi comandi di teatro. Fa parte degli sforzi di Pechino per creare una forza militare pronta al combattimento di fronte alla crescente pressione militare degli Stati Uniti sullo stretto di Taiwan e sul Mar Cinese meridionale.

L’utilizzo di tre flotte del Pla per l’addestramento al fuoco sta diventando uno strumento più diffuso «in mezzo alle crescenti sfide degli Stati Uniti», riporta Scmp: «Lo scopo di migliorare l’addestramento al combattimento è quello di addestrare e preparare la guerra (…) Questo non riguarda solo le crescenti tensioni nello stretto di Taiwan, ma anche l’inasprimento della politica anti-Cina di Washington (…) Le tensioni nelle relazioni sino-americane potrebbero divampare su diversi fronti e il Pla deve essere preparato per i conflitti militari».

All’inizio di questa settimana, poi, il Pla ha detto che la sua marina ha condotto delle esercitazioni di sbarco apparentemente rivolte a Taiwan, che, ricordiamo, Pechino considera parte del territorio “metropolitano” e ha più volte ribadito che intende metterla sotto il suo controllo, anche con la forza, se necessario.

Antonio Albanese