CINA. Divieto di preghiera per i musulmani uiguri dello Xinjiang

182

Le autorità cinesi hanno vietato alla maggior parte degli uiguri di pregare nelle moschee – e persino nelle loro case – durante la festività dell’Eid al-Fitr, che segna la fine del mese sacro islamico del Ramadan, in molte parti della Regione autonoma uigura dello Xinjiang, hanno detto residenti e polizia.

Le persone di 60 anni e più sono state autorizzate a pregare in una moschea locale sotto la pesante sorveglianza della polizia durante l’Eid, che quest’anno è caduto il 20-21 aprile, riporta Rfa.

Dal 2017, la Cina ha limitato o vietato le usanze etniche e i rituali religiosi tra gli uiguri, per lo più musulmani, nel tentativo di eliminare l'”estremismo religioso”.

Durante l’Eid di quest’anno, la più importante festività musulmana, le autorità dello Xinjiang hanno pattugliato le strade della città e perquisito le case per impedire alle persone di pregare segretamente all’interno delle loro abitazioni.

Un funzionario amministrativo della città di Yarkowruk, nella prefettura di Akesu, ha dichiarato che una moschea era aperta per le preghiere dell’Eid: «I nostri agenti di polizia sono andati alla moschea per sorvegliare le persone», ha detto l’impiegato. «Non so se le persone avessero bisogno di un permesso per andare alla moschea, perché io non ci sono andato».

Allo stesso modo, solo una moschea era aperta per le preghiere dell’Eid nella città di Bulung, nella contea di Bay, ha detto un ufficiale della stazione di polizia locale, anche se solo i residenti con più di 60 anni potevano pregare se volevano.

Il governo ha emesso un avviso per cui le persone di età inferiore ai 60 anni non possono pregare durante la festività dell’Eid, ha aggiunto.

A Bulung solo una dozzina di anziani uiguri ha partecipato alle preghiere dell’Eid in una moschea, mentre tre ufficiali di polizia e diversi agenti ausiliari osservavano e annotavano i nomi degli uiguri, ha detto l’ufficiale della stazione di polizia della città.

«La moschea era aperta ieri e siamo andati lì per sorvegliare le persone», ha detto l’ufficiale di polizia, aggiungendo di aver detto ai residenti sotto i 60 anni di non andare alla moschea.

Un residente locale, che come altri in questo rapporto ha chiesto l’anonimato per motivi di sicurezza, ha detto a Radio Free Asia che le autorità hanno distrutto quasi tutte le moschee nelle contee di Nilka e Kunes, così che anche se il governo ha permesso alle persone di pregare durante l’Eid, non potevano andare in moschea per farlo.

Un impiegato della stazione di polizia di Aktope, nella contea di Tokkuztara, ha dichiarato a Rfa che non è stato concesso alcun permesso ai residenti, compresi gli anziani, di tenere riunioni di preghiera festive nelle loro case, e non sono state fatte eccezioni.

Una residente della contea di Peyziwat, nella prefettura di Kashgar, ha detto di non aver fatto visita a nessuno per la celebrazione dell’Eid e di non aver preparato il sangza, una speciale pasta fritta che gli uiguri mangiano durante le celebrazioni dell’Eid.

Una donna di una zona residenziale della contea di Maralbexi, nella prefettura di Kashgar, ha raccontato che nessuno dei suoi vicini o parenti ha tenuto preghiere o celebrazioni per l’Eid: «La moschea non era aperta (…) Mio marito è un poliziotto ed è andato al lavoro il giorno dell’Eid. Non c’è stata nessuna preghiera di Eid al-Fitr qui. Era tutto tranquillo».

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/