CINA. Cybersecurity unica tra Shenzen, Hong Kong e Macao

43

Pechino intende creare un centro dati e un mercato nel Guangdong a Shenzhen nel tentativo di regolare i dati in modo più completo. I funzionari della provincia meridionale cinese del Guangdong dicono che hanno intenzione di costruire una piattaforma dati comune per la Greater Bay Area che comprende Hong Kong e Macao, e costruiranno un mercato di scambio di dati a Shenzhen. Le mosse fanno parte degli sforzi per regolare i dati in modo più completo.

Guangdong esplorerà anche l’istituzione di un “hub doganale” di dati per rivedere e supervisionare i dati che attraversano i confini, così afferma il governo provinciale sul suo sito web domenica 11 luglio, ripreso da Atf. Il governo «promuoverà la circolazione e la condivisione dei dati tra Guangdong, Hong Kong e Macao e l’uso dei dati a beneficio dello sviluppo industriale, della governance sociale e dei servizi per il popolo», recita la dichiarazione.

Le autorità rafforzeranno anche la supervisione delle transazioni di dati e accelereranno l’introduzione della legislazione per l’economia digitale, ha detto il comunicato del Guangdong. Non è ancora chiaro quali tipi di dati saranno scambiati a Shenzhen.

La regolamentazione dei dati, in particolare la cybersicurezza relativa alle aziende cinesi quotate in borsa o negli Stati Uniti, è diventata uno dei principali obiettivi delle autorità cinesi questo mese, con una serie di nuove misure e iniziative annunciate.

L’annuncio improvviso della Cybersecurity Administration of China di una indagine sul gigante del ride-hailing Didi Global pochi giorni dopo la sua quotazione a New York e il successivo ordine di rimozione della sua app dagli app store, va appunto in questa direzione.

La Cybersecurity Administration of China ha poi detto l’11 luglio che qualsiasi azienda con dati di più di 1 milione di utenti deve sottoporsi a una revisione della sicurezza prima di quotare le sue azioni all’estero.

Nel frattempo, il ministero dell’Industria cinese ha detto il 12 luglio che ha rilasciato una bozza di piano d’azione triennale sullo sviluppo del settore della sicurezza informatica.

Il Ministero ha anche detto che si aspetta che la dimensione del settore della sicurezza informatica superi i 250 miliardi di yuan entro il 2023.

Graziella Giangiulio