CINA. Crollo in borsa di Evergrande: -14%

107

Le azioni del gruppo cinese Evergrande sono crollate fino al 14,2% alla ripresa delle contrattazioni a Hong Kong, il 21 ottobre, dopo una pausa di tre settimane, quando la società immobiliare ha cercato di vendere una quota di controllo nella sua attività di gestione immobiliare. Il crollo dei colloqui per vendere il 50,1% di Evergrande Property Services a Hopson Development Holdings per 2,58 miliardi di dollari, rivelato nella tarda serata del 20 ottobre, aumenta le probabilità che Evergrande sia inadempiente su un’obbligazione offshore in questa settimana.

Evergrande ha indicato che non ha fatto progressi su altre vendite di beni, mentre la scadenza di 30 giorni per rimediare al mancato pagamento di una cedola scade sabato 23 ottobre: «Non c’è stato alcun progresso materiale sulla vendita di beni del gruppo (…) In vista delle difficoltà, sfide e incertezze nel migliorare la sua liquidità, non vi è alcuna garanzia che il gruppo sarà in grado di soddisfare i suoi obblighi finanziari».

Dalla fine di settembre, Evergrande non è riuscito a pagare le cedole delle obbligazioni per un valore di 277 milioni di dollari. Le sue azioni e obbligazioni hanno perso quattro quinti del loro valore quest’anno. I travagli di Evergrande hanno scosso i mercati globali mentre gli investitori cercano di valutare le conseguenze di un possibile collasso della società e si preoccupano della salute più ampia del mercato immobiliare cinese.

L’azienda sta rapidamente esaurendo la liquidità e aveva sperato di superare l’ultima crisi vendendo beni, attirando investitori e aumentando le vendite. Sta fallendo su tutti e tre i fronti e ha mancato i pagamenti a banche, creditori al dettaglio, appaltatori, obbligazionisti e fornitori, il che ha portato alla sospensione di più della metà dei suoi 800 progetti di sviluppo in corso, riporta Nikkei.

Le vendite a contratto, una fonte base di liquidità, sono scese a 3,65 miliardi di yuan nel periodo 1 settembre-20 ottobre, ha detto la società il 20 ottobre; cifre basse rispetto agli oltre 142 miliardi di yuan di vendite nello stesso periodo dell’anno scorso. Le autorità cinesi hanno rifiutato di salvare la società, dicendo che i rischi di ricaduta possono essere contenuti.

Il vice premier Liu He ha detto il 20 ottobre che i rischi di Evergrande sono controllabili e che le ragionevoli richieste di capitale da parte delle società immobiliari vengono soddisfatte, secondo Xinhua. Il suo parere ha fatto seguito a simili dichiarazioni precedenti del governatore della People’s Bank of China Yi Gang.

I guai di Evergrande, e i mancati pagamenti delle società più piccole, hanno scatenato nelle ultime settimane i timori di contagio nel sistema finanziario cinese da 50.000 miliardi di dollari.

S&P Global Ratings il mese scorso ha stimato che gli sviluppatori che valuta devono riscattare 480 miliardi di yuan in obbligazioni nazionali e offshore nel corso del prossimo anno, pari a quasi un quarto delle loro riserve di cassa libere. La prima grande ondata di scadenze è prevista per gennaio, con circa 6,2 miliardi di dollari in obbligazioni offshore da rimborsare.

Gli sviluppatori più piccoli Sinic Holdings e Fantasia Holdings Group sono già inadempienti, mentre alcuni altri stanno faticando per ripagare i debiti: Modern Land ha detto il 20 ottobre sera che avrebbe abbandonato una proposta di estendere il rimborso di un’obbligazione di 250 milioni di dollari per tre mesi, e il 21 ottobre ha bloccato la negoziazione delle sue azioni in attesa di consigli finanziari.

Graziella Giangiulio