CINA. Come si vive dentro Wuhan in quarantena

357

Le notizie che arrivano dalla città di Wuhan in quarantena disegnano un quadro di una città dove non c’è più una vita normale, dove i team medici, sottoposti ad una dura pressione, allontanano regolarmente i pazienti per mancanza di letti o di rifornimenti, e dove la maggior parte delle infezioni potrebbe non essere stata nemmeno contata.

Stando a quanto riporta Radio Free Europe, gli ospedali della città sono ora pieni di pazienti affetti da polmonite e ne stanno allontanando ancora di più, il che significa che i malati tornano a casa e infettano le loro famiglie.

Secondo operatori sanitari della città: «Abbiamo visto il conteggio ufficiale dei casi confermati, ma molte persone che hanno il coronavirus a Wuhan in questo momento non vengono diagnosticate dagli ospedali, perché il governo ha detto che tutti i pazienti affetti da coronavirus possono essere curati a spese del governo (…) Se non ti viene diagnosticato, una volta scaduta l’assicurazione medica dovrai pagare il conto da solo, quindi molti ospedali non ti daranno una diagnosi» e la gente torna casa.

In un video postato su YouTube, il citizen journalist Chen Qiushi racconta che la maggior parte dei casi non verrà mai diagnosticata o inclusa nelle cifre ufficiali: «La maggior parte delle persone sono ora confinate nelle loro case. Non vogliono nemmeno che la gente esca all’interno dei loro complessi residenziali (…) Se non ci sono mezzi di trasporto, come si arriva all’ospedale? E quando ci si arriva, non si viene ricoverati. Che senso ha andare all’ospedale se non puoi farti diagnosticare?».

Chen ha detto che molte persone stavano andando all’ospedale a piedi o in moto o a tre ruote perché non c’erano abbastanza ambulanze o persino taxi per far fronte alla domanda: «C’è carenza di rifornimenti, di maschere, di indumenti protettivi e, soprattutto, di kit di prova (…) Non si può andare da un medico senza un letto d’ospedale, non si può avere un letto d’ospedale senza una diagnosi positiva, e non si può avere una diagnosi senza un kit di prova (…) Non ha senso stare sdraiati lì con tutte quelle altre persone se non puoi farti vedere da un medico. Ecco perché così tante persone sono solo “casi sospetti” a casa», ha detto.

Chen ha fatto un giro per gli ospedali della città e afferma: « Ogni ospedale in cui sono andato ha detto che non avevano abbastanza letti, che non c’erano letti disponibili (…) Alcune persone nella sala d’attesa erano in pessime condizioni. Alcuni erano ancora nel loro veicolo, e avevano appeso una flebo a un ramo vicino e stavano prendendo la flebo proprio lì. Alcuni erano seduti fuori all’aria aperta sui gradini con una flebo».

Tommaso dal Passo