CINA. Calo nei profitti industriali: disaccoppiamento USA e friend shoring mordono

170

I profitti delle imprese industriali cinesi sono scesi del 21,4% su base annua a 1,52 trilioni di yuan nei primi tre mesi, rispetto ai 1,93 trilioni di yuan di un anno fa, ha dichiarato giovedì scorso l’Ufficio nazionale di statistica. Il calo su base annua è stato del 22,9% nei primi due mesi di quest’anno.

Al calo dei profitti industriali di 413 miliardi di yuan nel primo trimestre ha contribuito per il 20% il settore dei computer, delle telecomunicazioni e delle altre apparecchiature elettroniche. Il resto è attribuibile all’industria chimica, metallurgica e delle raffinerie di petrolio, più sensibile alle variazioni dei prezzi delle materie prime, riporta AT.

I produttori di computer, telecomunicazioni e altre apparecchiature elettroniche hanno visto i loro ricavi diminuire del 6,4% a 3,24 trilioni di yuan nel primo trimestre rispetto all’anno precedente, mentre i loro profitti si sono ridotti del 57,5% a 60,73 miliardi di yuan.

I funzionari cinesi hanno concluso che la contrazione dei profitti è il risultato della debolezza della domanda esterna, ma il problema sarebbe più strutturale.

L’esportazione di prodotti elettronici ha ripreso a crescere nel primo trimestre del 2023 rispetto al quarto trimestre dello scorso anno, dopo che la Cina ha posto fine alla politica dello zero-Covid lo scorso dicembre. Tuttavia, la ripresa è stata rallentata dalla politica protezionistica degli Stati Uniti; il calo dei profitti industriali cinesi sarebbe stato causato non solo dal rallentamento della domanda esterna, ma anche dalla ristrutturazione delle catene di approvvigionamento statunitensi.

La sfida più grande per il commercio estero cinese sarebbe quindi il disaccoppiamento della catena di approvvigionamento sino-statunitense. Nel 2018, gli Stati Uniti hanno usato le dispute commerciali per spingere il ‘re-shoring’ e il ‘near-shoring’, e ora stanno promuovendo il ‘friend-shoring’ per raggiungere il loro obiettivo di disaccoppiamento.

Gli Stati Uniti hanno recentemente imposto alle loro aziende di ridurre gli acquisti in Cina, mentre alcuni clienti stranieri tradizionali hanno incoraggiato i produttori cinesi a delocalizzare in alcuni Paesi del Sud-est asiatico e dell’Asia meridionale.

La Cina starebbe vendendo sempre più prodotti intermedi all’Asia meridionale e sudorientale, all’Europa dell’Est e al Messico, che si occuperanno della lavorazione e dell’assemblaggio per poi spedire i prodotti finali negli Stati Uniti e in Europa.

Nel giugno dello scorso anno, l’amministrazione Biden ha dichiarato che avrebbe rinunciato alle tariffe sui pannelli solari importati negli Stati Uniti da Cambogia, Malesia, Thailandia e Vietnam per 24 mesi. L’iniziativa ha incentivato i fornitori cinesi di pannelli solari a trasferirsi in questi quattro Paesi.

A novembre 2022, il Segretario al Tesoro Janet Yellen ha visitato l’India per promuovere l’iniziativa statunitense di “friend-shoring”, di cui beneficeranno anche Vietnam e Indonesia.

Nel frattempo, altri settori hanno registrato performance diverse in termini di redditività nel primo trimestre.

Le case automobilistiche hanno registrato una crescita dell’1,3% dei ricavi a 2,14 trilioni di yuan, ma i loro profitti si sono ridotti del 24,2% a 81,9 miliardi di yuan a causa della guerra dei prezzi nel settore. A marzo i loro profitti sono aumentati del 9,1%, in netto contrasto con il calo del 41,7% registrato nel periodo gennaio-febbraio.

Molti fornitori di metalli e raffinerie di petrolio hanno registrato una contrazione dei profitti, poiché i prezzi di vendita dei loro prodotti sono scesi più rapidamente delle materie prime. Il settore della fornitura di energia elettrica e termica ha registrato una crescita degli utili del 49%, mentre il settore della produzione di macchinari e attrezzature elettriche ha registrato una crescita degli utili del 27,1%.

La Cina ha visto alcuni segnali di ripresa a marzo, quando i profitti industriali sono scesi solo del 19,2% su base annua, rispetto al crollo del 22,9% dei primi due mesi.

Mercoledì scorso, l’Ufficio generale del Consiglio di Stato ha emanato una circolare che definisce le misure per migliorare la portata e la struttura del commercio estero, al fine di garantirne una crescita stabile e di qualità.

Secondo la circolare, i governi a tutti i livelli dovrebbero promuovere la piena ripresa di importanti esposizioni nazionali non in linea per migliorare l’incontro tra domanda e offerta e facilitare gli scambi transfrontalieri di personale commerciale.

Si cercherà di migliorare i servizi di sviluppo del mercato per stabilizzare le esportazioni verso le economie sviluppate e guidare le imprese a sviluppare ulteriormente i mercati nei Paesi in via di sviluppo, nell’Asean e in altri mercati regionali.

La circolare è stata emanata dopo che alcuni produttori cinesi hanno dichiarato di aver incontrato meno acquirenti europei e statunitensi alla Fiera di Canton, la più grande fiera commerciale della Cina, che si tiene a Guangzhou tra il 15 aprile e il 5 maggio.

Hanno dichiarato di aver visto più acquirenti dall’America Latina, dall’Africa, dal Sud-est asiatico e dalla Russia, ma che questi clienti potrebbero offrire margini più bassi.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/