Esercitazioni in vista dell’Apec

66

CINA – Pechino 28/10/2014. La polizia di Pechino ha preso parte a esercitazioni anti-terrorismo mirate a testare la sua capacità di risposta e di coordinamento, per garantire la sicurezza in occasione del prossimo meeting Asia-Pacific Economic Cooperation (Apec).

Secondo la Xinhua, che riporta la notizia il 28 ottobre, gli agenti, che non erano stati informati in anticipo dell’esercitazione, hanno dovuto intervenire in due emergenze simulate nel giro di 35 minuti in due siti a Pechino, dove si terranno gli incontri Apec, stando a un portavoce presso l’ufficio di pubblica sicurezza.
La simulazione prevedeva una serie di interventi di contrasto tesi a disperdere un raduno di facinorosi, a bloccare dei terroristi su una macchina che trasporta esplosivi e una presa di ostaggi; le sedi sono state il ​​China National Convention Center e lo Yanqi Lake. Secondo Xinhua, il giorno precedente, il capo della polizia della Cina, Guo Shengkun, aveva chiesto un rafforzamento dei controlli di sicurezza per garantire la “sicurezza assoluta” dei dirigenti e dei funzionari presenti alle riunioni.
Il forum Apec riunirà le 21 economie degli Stati del Pacifico e si propone di facilitare crescita economica, cooperazione, commercio e investimenti nella regione Asia-Pacifico. Il vertice dovrebbe iniziare a Pechino il 3 novembre e avrà una durata di dieci giorni. Secondo il sito web del forum, i 21 membri, tra cui Australia, Russia, Stati Uniti e Giappone, rappresentano circa il 40 per cento della popolazione mondiale, il 55 per cento del prodotto interno lordo mondiale e il 44 per cento del commercio mondiale.