CINA. Anche per Xi Jinping, Pechino deve prepararsi alla guerra

218

L’esercito cinese deve essere “preparato a rispondere” a situazioni complesse e difficili, mentre il paese è alle prese con le sfide alla sicurezza, ha detto il 9 marzo il presidente cinese Xi Jinping. Xi, che è anche a capo della Commissione militare centrale, ha fatto queste affermazioni  in una tavola rotonda a cui hanno partecipato i rappresentanti delle forze armate durante le sessioni legislative annuali a Pechino.

«L’attuale situazione di sicurezza del nostro paese è in gran parte instabile e incerta (…) L’intero esercito deve coordinare la relazione tra lo sviluppo delle capacità e la prontezza di combattimento, essere preparato a rispondere a una varietà di situazioni complesse e difficili in qualsiasi momento, salvaguardare risolutamente la sovranità nazionale, la sicurezza e gli interessi di sviluppo, e fornire un forte sostegno alla costruzione completa di un moderno stato socialista», ha detto il presidente cinese, ripreso da Scmp e Business Insider.

Xi ha anche sottolineato la necessità di «una deterrenza strategica di alto livello e un sistema di combattimento congiunto», e più innovazione tecnologica nelle forze armate. Le osservazioni del presidente cinese sono arrivate dopo che il ministro della Difesa, il generale Wei Fenghe, aveva chiesto ai militari di aumentare la prontezza di combattimento, dicendo che la sicurezza nazionale della Cina è “entrata in una fase ad alto rischio (…) Stiamo affrontando compiti sempre più impegnativi nella difesa nazionale (…) e dobbiamo migliorare completamente l’addestramento militare e la preparazione alla battaglia in modo da aumentare le nostre capacità strategiche per prevalere sui nostri forti nemici (…) Il grande ringiovanimento della nazione cinese è in una fase critica in cui stiamo affrontando opportunità senza precedenti così come sfide senza precedenti (…)  gli sforzi di contenimento degli Stati Uniti dureranno per tutto il processo di ringiovanimento nazionale della Cina», ha detto Wei ai delegati militari a margine delle sessioni legislative.

La questione di come l’Esercito Popolare di Liberazione dovrebbe gestire i rischi per la sicurezza ha dominato l’incontro di sabato scorso, mentre il paese affronta sfide su più fronti: dalla disputa sul confine himalayano con l’India alle tensioni con il Giappone sul Mar Cinese Orientale e la rivalità con gli Stati Uniti, anche sulla tecnologia. La sua profonda spaccatura con gli Stati Uniti è in cima alla lista dei rischi geopolitici, in particolare le tensioni su Taiwan e sul Mar Cinese Meridionale, che potrebbero portare a un conflitto militare se entrambe le potenze intensificassero le operazioni aeree e navali nella regione. Il 7 marzo, il ministro degli Esteri Wang Yi ha avvertito Washington di non superare la “linea rossa” su Taiwan, dicendo che non c’è “spazio per compromessi o concessioni sulla questione di Taiwan”.

Alla riunione con Xi Jinping, il generale Yang Cheng  ha detto che il Pla ha bisogno di irrobustire i suoi sforzi di preallarme e ricognizione e consolidare il controllo sui confini del paese. Zhao Baorui, commissario politico del comando del teatro occidentale che copre la frontiera con l’India, ha anche chiesto più fondi militari per la regione di confine per accelerare la costruzione di aeroporti, strade e basi di formazione.

Rompere la “morsa” degli Stati Uniti è stato un altro argomento di discussione alla riunione. Il vice-ammiraglio Shen Jinlong, capo della marina, ha detto che per vincere una guerra futura, l’esercito cinese deve rafforzare la sua capacità di utilizzare tecnologie innovative e che è necessario un maggiore sostegno statale per le industrie e i progetti più importanti. Il Pla ha subito una revisione radicale negli ultimi anni e la sua modernizzazione è in corso. Secondo la bozza del piano quinquennale, le aree interessate a maggiori fondi includono semiconduttori, quantum e cloud computing, e intelligenza artificiale sia per uso militare che commerciale.

Antonio Albanese