CINA. Adesso Pechino ammette che il Coronavirus potrebbe avere un’altra origine

708

Una nuova ricerca suggerisce che il coronavirus di Wuhan, che ha ucciso 81 persone e infettato più di 2.700 persone, potrebbe non aver avuto origine dal mercato all’ingrosso di Huanan a Wuhan. Gli esperti hanno detto la scorsa settimana che il virus è zoonotico, il che significa che è passato dagli animali agli esseri umani; il virus si è diffuso in 12 paesi.

Si è creduto all’inizio che gli esseri umani abbiano preso il virus da animali come pipistrelli e serpenti nel mercato di Wuhan, dove la carne viene venduta insieme ad animali vivi, spesso in condizioni igieniche che lasciano a desiderare. Tuttavia un nuovo rapporto condotto da un nutrito gruppo di scienziati cinesi e pubblicato su The Lancet medical journal mette in discussione questa teoria, riporta Business Insider

La ricerca, riporta Science, ha scoperto che il virus potrebbe aver avuto origine altrove prima di entrare nel mercato all’ingrosso di Huanan. Guardando in dettaglio i casi di 41 pazienti infettati dal nuovo coronavirus del 2019, gli scienziati hanno scoperto che il primo caso segnalato del virus dal 1° dicembre non aveva alcun legame con il mercato, stando alla ricerca di The Lancet e ripresa da  Science

Lo studio ha anche trovato che 13 dei 41 casi studiati non avevano alcun legame con il mercato; per gli scienziati, si tratta di un numero elevato. È possibile che i primi casi si siano verificati già a novembre, e che si siano diffusi senza essere scoperti tra la gente prima che il virus fosse rilevato nel primo gruppo di casi provenienti dal mercato, secondo Science.  Non è ancora chiaro se il virus provenisse dal mercato o meno, ma le ultime ricerche dicono che c’è la possibilità che non sia così. 

I dati del Lancet sollevano anche interrogativi sull’accuratezza delle informazioni iniziali fornite dalla Cina. All’inizio dell’epidemia, la principale fonte ufficiale di informazione pubblica erano gli avvisi della Commissione sanitaria municipale di Wuhan. Le sue comunicazioni dell’11 gennaio hanno iniziato a riferirsi ai 41 pazienti come gli unici casi confermati e il conteggio è rimasto invariato fino al 18 gennaio. 

Gli avvisi non dichiaravano che il mercato fosse la fonte, ma hanno ripetutamente notato che non c’erano prove di trasmissione da uomo a uomo e che la maggior parte dei casi era legata al mercato. Poiché la Commissione sanitaria municipale di Wuhan ha osservato che i test diagnostici avevano confermato questi 41 casi entro il 10 gennaio e i funzionari presumibilmente conoscevano la casistica di ogni paziente, la Cina deve aver capito quasi da subito che l’epidemia non ha avuto origine in quel mercato. 

Un modo per stabilire con certezza se il virus provenisse dal mercato sarebbe quello di prelevare campioni dagli animali presenti sul mercato – ma il mercato è stato ora ripulito e disinfettato, secondo The Conversation. L’autorità sanitaria di Wuhan ha chiuso il mercato il 1° gennaio e la scorsa settimana ha vietato il commercio di animali vivi nei mercati.

Antonio Albanese