Cile, si allontana l’obiettivo di attrarre investimenti per l’estrazione mineraria

86

Il presidente della compagnia di Stato Codelco, estrazione del rame, ha detto che si sono registrate recenti battute d’arresto sui progetti energetici e minerari rendono difficile, al momento, per il Cile raggiungere il suo obiettivo di attrarre 100 miliardi di dollari di investimenti nel settore minerario entro il 2020.

 

L’annuncio è arrivato due giorni dopo che la Suprema Corte cilena ha annullato la proposta che avrebbe permesso alle aziende energetiche tedesche e brasiliane di costruire una grande centrale a carbone nel Cile settentrionale. Il progetto è diventato l’ultimo di una serie di tentativi falliti da parte delle imprese private per soddisfare la domanda supplementare di energia  a basso costo per il Cile indispensabile per mantenere la crescita della sua industria mineraria, spina dorsale della prosperità economica del paese degli ultimi dieci anni. Tuttavia, le proteste di massa, per le potenziali conseguenze ambientali dei progetti proposti e lo stallo politico a Santiago, fanno pensare come improbabile che tutti i progetti di rilievo di una nuova energia sarà approvato solo dopo che il presidente uscente impopolare del Cile è sostituito nelle elezioni presidenziali del dicembre 2013.