CIAD. “Non è tempo di parlare con i fuorilegge”. La giunta bracca il FACT

30

La giunta al potere in Ciad ha respinto l’appello di un gruppo di ribelli per i colloqui e ha chiesto al Niger di aiutare a catturare il loro leader, che crede sia all’interno dei confini del paese vicino.

Il gruppo ribelle con base in Libia conosciuto come il Front pour l’alternance et la concorde au Tchad (Fronte per il cambiamento e la concordia in Ciad) – Fact, sta combattendo per rovesciare il governo dal 2016.

La sera dell’11 aprile scorso, il giorno delle elezioni presidenziali ciadiane, il Fact ha attaccato un posto di frontiera ciadiano nel nord del Ciad proprio mentre i seggi elettorali stavano chiudendo, scatenando la reazione governativa.

Il 17 aprile 2021, il governo britannico ha detto che due convogli armati del Fact stavano avanzando verso la capitale N’Djamena. L’esercito ciadiano ha poi affermato di aver distrutto un convoglio del Fact nella provincia di Kanem, mentre un altro era nei pressi della città di Mao.

Il 20 aprile 2021, il presidente Idriss Déby è stato ferito mortalmente da colpi di arma da fuoco del Fact sulle linee del fronte, poco più di una settimana dopo essere stato rieletto presidente per un sesto mandato. Un portavoce dei ribelli ha detto che Déby è stato ferito nel villaggio di Mele, vicino alla città di Nokou, prima di essere trasportato nella capitale, N’Djamena, dove è morto a causa delle ferite. Il generale Mahamat Déby Itno, figlio del presidente deceduto, è stato dichiarato presidente ad interim a capo di una giunta militare.

«Alcuni veicoli in fuga sono fuggiti dalla zona di combattimento verso il confine con il Niger», ha detto il generale Azem Bermendao Agouna, portavoce del consiglio, in una dichiarazione letta sull’emittente pubblica Tele Tchad nella tarda serata del 25 aprile. «Le forze di difesa e di sicurezza li hanno inseguiti con il sostegno dell’aviazione» e i ribelli sono stati successivamente localizzati oltre il confine, a più di 600 chilometri dalla capitale del Ciad, N’Djamena, ha detto Agouna, ripreso da Bloomberg.

Anche se i ribelli si sono detti pronti ad accettare un cessate il fuoco e a trovare una soluzione politica alla crisi, Agouna ha detto che «ora non è il momento di parlare o dialogare con dei fuorilegge». Mahamat Mahdi Ali, il leader dei ribelli è ricercato dal procuratore generale della Libia per crimini di guerra, e il Ciad ha chiesto al Niger e alla forza regionale congiunta nota come G5 Sahel di aiutare a catturare lui e le sue forze, ha detto il portavoce del consiglio militare di transizione.

Graziella Giangiulio