CHIPWAR. Xi Jinping tira le orecchie a Mark Rutte per i chip

56

Il presidente cinese Xi Jinping ha dichiarato al primo ministro olandese Mark Rutte in visita in Cina che “nessuna forza” potrebbe impedire al suo Paese di compiere progressi tecnologici: ”Anche il popolo cinese ha il diritto allo sviluppo legittimo, e nessuna forza può fermare il ritmo dello sviluppo e del progresso scientifico e tecnologico della Cina”, ha detto Xi alla CCTV. 

Secondo AP, Xi ha anche avvertito Rutte che il taglio delle catene di approvvigionamento “porterà alla divisione e allo scontro”, nell’incombente possibilità che i Paesi Bassi possano cedere alle pressioni degli Stati Uniti e attuare restrizioni più severe contro Pechino: “Disaccoppiare e rompere i collegamenti” non porta da nessuna parte, e la cooperazione è l’unica opzione, ha detto Xi a Rutte, che è in visita di Stato di due giorni a Pechino.

Xi ha anche detto a Rutte che spera che i Paesi Bassi forniscano un ambiente commerciale equo e trasparente per le aziende cinesi, hanno detto i media statali cinesi, ripreso da AF. Uno dei principali obiettivi politici di Xi è stato quello di aiutare la Cina a sviluppare la propria industria nazionale di produzione di chip, spendendo miliardi in sussidi.

Ma la visita di Rutte a Pechino arriva in un momento in cui gli Stati Uniti stanno raddoppiando gli sforzi sui loro alleati – Giappone, Corea del Sud e Paesi Bassi – per limitare l’accesso della Cina ai chip avanzati e alla produzione di chip.

Per gli olandesi, ciò significherebbe inasprire le regole sulle licenze imposte dal governo Rutte lo scorso anno, in particolare quelle su Asml.

Asml è il più grande fornitore di macchine litografiche per la produzione di chip, e i suoi strumenti sono diventati un punto critico nelle “guerre dei chip” tra Stati Uniti e Cina. L’azienda non ha mai venduto nessuno dei suoi strumenti più avanzati alla Cina. All’inizio di quest’anno, il governo Rutte ha anche revocato le licenze di Asml per vendere alcune macchine “DUV” meno avanzate alla Cina.

Nel frattempo, la Cina ha investito cifre elevate per accumulare questi strumenti per la produzione di chip nel 2023, spendendo fino a 7 miliardi di dollari solo per le macchine Asml.

Il governo degli Stati Uniti sta ora sollecitando l’amministrazione Rutte a ridurre le licenze di Asml per fornire assistenza e manutenzione sulle apparecchiature per la produzione di chip che ha già venduto alla Cina.

Prima o poi, Asml dovrà cercare licenze per le apparecchiature già presenti in Cina che ora rientrano nelle norme di esportazione olandesi o statunitensi. Se le licenze venissero negate o revocate, gli strumenti di Asml diventerebbero impossibili da utilizzare nel giro di poche settimane.

Ciò sarebbe potenzialmente devastante per i suoi clienti, tra cui Smic, il più grande produttore di chip a contratto della Cina.

Smic ha utilizzato gli strumenti di produzione di chip meno avanzati accumulati per realizzare costose scoperte nella produzione di chip. Si dice che l’azienda sia dietro i chip da 7 nm negli smartphone di Huawei Technologies, un’altra azienda sanzionata dagli Stati Uniti.

Secondo quanto riferito, Smic e Huawei stanno lavorando alla produzione di massa di chip da 5 nm di nuova generazione, utilizzando le stesse attrezzature di scorta. Questi sviluppi sono probabilmente alla base dell’ultima spinta di Washington contro le licenze di servizio dell’Asml.

Asml ha affermato di “disporre di licenze di esportazione per servire la maggior parte dei suoi clienti cinesi fino al 31 dicembre 2024”. Per alcune delle sue linee di prodotti più avanzate “ASML non ha ricevuto una licenza di esportazione per continuare la manutenzione di questi sistemi presso alcune specifiche fabbriche di logica avanzata in Cina a partire dal 1° novembre 2023”, ha aggiunto la società.

Gli olandesi giurano di difendere gli interessi Asml. Prima della visita di Rutte, il ministro del commercio olandese Geoffrey van Leeuwen aveva affermato che la difesa degli interessi Asml era la sua priorità “numero uno”. Anche Van Leeuwen è in visita in Cina e dovrebbe incontrare il ministro del Commercio cinese Wang Wentao.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/