CHIPWAR. TSMC vuole fare da “paciere” tra Washington e Pechino 

181

Il presidente della Taiwan Semiconductor Manufacturing Co. ha cercato di attenuare le preoccupazioni che le tensioni tra Stati Uniti e Cina rappresentino una minaccia per il più grande produttore di chip a contratto del mondo, sostenendo che la sua azienda può in realtà svolgere un ruolo nel miglioramento delle relazioni tra le due superpotenze.

Il presidente di Tsmc Mark Liu ha affermato che se l’industria dei chip di Taiwan nel suo complesso – la seconda al mondo per fatturato dopo gli Stati Uniti – continuerà a prosperare, avrà un effetto positivo sulla geopolitica, riporta Nikkei: «Se la Cina e gli Stati Uniti pensano di non poter fare a meno di Tsmc e dei nostri chip… valuterebbero attentamente la situazione prima di fare qualsiasi mossa».

«Tsmc e l’industria dei chip di Taiwan possono, a loro volta, svolgere un ruolo nella stabilizzazione delle tensioni tra Stati Uniti e Cina», ha poi dichiarato Liu agli azionisti durante l’assemblea generale annuale della società. «Non possiamo certo risolvere la tensione, ma speriamo che il nostro ruolo chiave nella catena di fornitura possa calmare entrambe le parti».

Le sue osservazioni fanno seguito alla recente vendita da parte del famoso investitore statunitense Warren Buffett della sua partecipazione in Tsmc, citando le tensioni geopolitiche come una “considerazione” nella sue decisione.

Tsmc ha aggiunto che, secondo il proprio sondaggio tra i clienti, la fiducia dei clienti nell’azienda è in aumento. «L’ad di Nvidia, Jensen Huang, ha dichiarato che la produzione di chip con Tsmc è perfettamente sicura, il che dimostra la fiducia dei nostri clienti nei nostri confronti», ha dichiarato Liu. «Non vale la pena di ascoltare solo i politici su questo».

Ma Tsmc ha anche confermato che sta ancora lavorando con i clienti per espandere la produzione negli Stati Uniti, in Giappone e in Cina. Il produttore di chip ha dichiarato di avere “buone sensazioni” riguardo alle prospettive di costruzione del suo primo impianto di chip in Germania.

«Dopo la guerra Ucraina-Russia, abbiamo assistito a un cambiamento radicale in Europa. Hanno iniziato ad avere incentivi molto forti e sono diventati estremamente attivi nella speranza che alcuni semiconduttori potessero essere prodotti localmente. Questa domanda proviene principalmente dalla catena di fornitura automobilistica locale», ha dichiarato Liu, aggiungendo che alcuni clienti di quel segmento sperano di avere “piccole partecipazioni” nel nuovo impianto se si concretizzerà.

Liu ha aggiunto che la sua azienda prevede di aggiungere una seconda fase all’impianto che sta costruendo a Kumamoto, in Giappone, e che si concentrerà anche su tecnologie speciali meno avanzate. Liu ha aggiunto, tuttavia, che il chipmaker è ancora in trattativa con il governo giapponese per ottenere sovvenzioni per l’espansione.

L’Ad di Tsmc, C.C. Wei, ha dichiarato che l’azienda è ancora impegnata a lungo termine a mantenere la maggior parte della sua capacità produttiva più avanzata a Taiwan: «La maggior parte della nostra capacità produttiva per i 3 nanometri, e in futuro per i 2 nm e gli 1,4 nm, sarà ancora a Taiwan», ha dichiarato Wei.

Più piccole sono le dimensioni dei nanometri, in generale, più avanzati e potenti sono i chip. Attualmente i chip più avanzati sono costruiti con tecnologia a 3 nm. Solo Tsmc, Samsung e Intel sono in grado di produrre chip così all’avanguardia.

Liu ha aggiunto che anche Tsmc sta ricevendo una spinta dall’intelligenza artificiale. L’azienda ha ricevuto molti ordini urgenti per la produzione di chip e per il confezionamento di chip avanzati per le esigenze dell’Ia generativa, ad esempio per gestire i centri dati che consentono il popolarissimo chatbot ChatGPT. «Ci stiamo affrettando ad aumentare la nostra capacità di confezionamento di chip avanzati, soprattutto per soddisfare la domanda di chip per l’Ia generativa».

Il presidente Tsmc ha detto di aspettarsi che in futuro l’elaborazione dell’Ia non sarà confinata ai centri dati, ma potrà essere eseguita anche su dispositivi “edge” come smartphone e personal computer.

Nel frattempo, sempre il 6 giugno, in Cina, la Powerleader Computer System ha respinto le accuse che la sua nuova unità di elaborazione centrale, Cpu, sia un vecchio chip Intel sotto mentite spoglie, affermando che è stata sviluppata con il supporto del gigante statunitense dei chip.

L’azienda di Shenzhen ha presentato la sua CPU Powerstar P3-01105 di prima generazione all’inizio di maggio. Il presidente Li Ruijie aveva dichiarato all’evento di lancio che il chip, progettato principalmente per i desktop del mercato commerciale, è basato sull’architettura x86 di Intel nell’ambito di una collaborazione con l’azienda statunitense.

Tuttavia, nei materiali di marketing del prodotto pubblicati da Powerleader, non si fa menzione di alcun accordo con Intel; questa assenza è stata considerata come il tentativo dell’azienda di far passare la Cpu come uno sforzo principalmente nazionale.

In seguito all’evento di lancio, le somiglianze con il prodotto Intel sono state immediatamente riconosciute; questo ha portato ad accusare l’azienda di aver esagerato nel presentare il chip come uno sforzo nazionale, in parte come un modo per ottenere sovvenzioni governative. Pechino ha intensificato il sostegno alla ricerca e allo sviluppo dei semiconduttori attraverso sussidi e finanziamenti aggiuntivi, nell’ambito di una spinta nazionale all’autosufficienza del settore a fronte di uno sforzo guidato dagli Stati Uniti per limitare l’accesso alla tecnologia dei chip.

In una dichiarazione pubblicata da Li su Weibo, Powerleader ha ribadito che il chip Powerstar è un “prodotto personalizzato sviluppato con il supporto di Intel” e che l’azienda non ha richiesto alcuna sovvenzione governativa per il progetto, rimuovendo il materiale di marketing online che promuoveva il nuovo processore.

Powerleader ha in programma la costruzione di nove basi di produzione in tutta la Cina e la vendita di 1,5 milioni di unità all’anno. Powerleader, fondata nel 2003, produce principalmente server e personal computer. Secondo un rapporto Idc, nel 2022 aveva una quota di mercato inferiore al 5% nel mercato cinese dei server.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/