CHIPWAR. TSMC punta sull’Italia?

108

L’Italia, il secondo polo manifatturiero in Europa dopo la Spagna, sta rafforzando i suoi legami economici con Taiwan e sta cercando di attirare la Taiwan Semiconductor Manufacturing Company Ltd (TSMC) dell’isola per installare un impianto nel Veneto.

Il 14 aprile scorso, riporta AT, il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti ha dichiarato che il primo ministro Giorgia Meloni stava valutando la partnership dell’Italia con la Cina nell’ambito della Belt and Road Initiative. Ha dichiarato che l’Italia adotterà un approccio più cauto rispetto al passato.

A quanto pare, andando oltre questo accenno, i funzionari italiani, in occasione di recenti incontri a Taipei, hanno detto alle loro controparti taiwanesi che l’Italia potrebbe abbandonare la Belt and Road, riporta Bloomberg, citando persone che hanno familiarità con la situazione, secondo cui la decisione finale sulla questione sarà presa dalla Meloni.

Questa notizia fa seguito all’annuncio del ministero degli Esteri di Taiwan, che la scorsa settimana ha annunciato l’apertura di un ufficio di rappresentanza a Milano, dopo quello di Roma, per incrementare il commercio e gli investimenti bilaterali. Lo scorso ottobre è stato inaugurato un volo diretto tra Taipei e Milano.

Dalla metà del 2022, Tsmc sta valutando la possibilità di costruire una fabbrica di chip in Germania o in Italia, ma non ha ancora preso una decisione. Lo scorso settembre, Intel Corp ha dichiarato di voler costruire uno stabilimento per il confezionamento e l’assemblaggio di chip in Veneto.

Nel marzo 2019, primo Ministro Giuseppe Conte, l’Italia è stata il primo membro del G7 a firmare un memorandum d’intesa a sostegno della cinese Belt and Road. Questo ha incrinato i rapporti tra l’Italia e l’Unione Europea, che definisce la Cina “un concorrente economico e un rivale sistemico”.

Mario Draghi, il successore di Conte, sposò la posizione dell’Ue. Meloni, che è diventata il primo primo Ministro donna in Italia a settembre 2022, ha detto che è stato un grosso errore che l’Italia si sia mossa verso l’adesione alla Belt and Road.

Nel maggio dello scorso anno, Tsmc avrebbe contattato il governo italiano proponendo di investire fino a 10 miliardi di euro per costruire una fabbrica di chip che creerebbe 3.000 nuovi posti di lavoro in Italia. Si tratterebbe del terzo progetto all’estero di Tsmc dopo quelli in Arizona negli Stati Uniti e a Kyushu in Giappone. Secondo i media, Tsmc potrebbe costruire un secondo impianto in Germania. Wei Che-Chia, amministratore delegato di Tsmc, ha dichiarato a gennaio di quest’anno che l’azienda deciderà dove costruire una fabbrica di chip in Europa in base alla domanda dei clienti e al sostegno del governo.

Il punto di vista ufficiale di Taipei è che la questione dovrebbe coinvolgere considerazioni politiche. L’8 marzo, il viceministro degli Esteri di Taiwan, Roy Chun, ha dichiarato in video al seminario del Parlamento europeo Renew Europe che la firma di un accordo bilaterale sugli investimenti con l’Ue sarebbe stato un punto fondamentale dell’agenda di Taiwan.

Tuttavia, Gunnar Wiegand, direttore generale per l’Asia e il Pacifico del Servizio europeo per l’azione esterna, il servizio diplomatico dell’Ue, ha affermato che l’Ue non ha necessariamente bisogno di un tale accordo con Taiwan. Anche Adeline Hinderer, capo dell’unità per l’Estremo Oriente della Direzione generale per il Commercio della Commissione europea, ha affermato che non è necessario avere un accordo bilaterale di investimento Ue-Taiwan.

La Central News Agency, l’agenzia di stampa nazionale di Taiwan, ha risposto il 13 marzo pubblicando un commento duro dal titolo “Temendo la Cina, l’Ue chiede chip a Taiwan ma evita i colloqui diplomatici”: «I funzionari dell’Ue dovrebbero capire che la fonderia di chip più conveniente al mondo si trova a Taiwan», ha dichiarato Tien Hsi-Ju, autore dell’articolo. «Mentre Tsmc sta costruendo fabbriche negli Stati Uniti e in Giappone a causa dei cambiamenti geopolitici, anche l’Ue vuole i suoi investimenti. Ma dal punto di vista di Taiwan, non abbiamo necessariamente bisogno di farlo».

Tien ha criticato l’invito di Wiegand a considerare le questioni di Taiwan da una prospettiva più ampia – un riferimento eufemistico alle relazioni Ue-Cina: «Se l’UE si preoccupa solo delle relazioni con la Cina, la sua prospettiva strategica non è abbastanza ampia (…) Nella legge sui chip, il Parlamento europeo ha esortato la Commissione europea a istituire un’iniziativa di diplomazia dei chip e a collaborare con partner come Stati Uniti, Giappone, Corea del Sud e Taiwan. Ora l’Ue vuole solo chip da Taiwan, ma evita i colloqui diplomatici. Taiwan è forse un’idiota?», ha detto Tien.

La risposta dell’Italia non si è fatta attendere. Il 16 marzo, la Camera dei Deputati italiana ha approvato una mozione che esorta il governo italiano a essere maggiormente coinvolto nella regione indo-pacifica e a dare importanza alla situazione al di là dello Stretto di Taiwan.

Il ministero degli Esteri di Taiwan ha ringraziato la Camera bassa italiana e ha affermato che l’Italia e Taiwan hanno una forte partnership basata sulla convinzione comune dei valori universali di libertà, democrazia e rispetto dei diritti umani.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/