CHIPWAR. Spionaggio cinese per i chip a Taiwan: si apre la caccia

135

I cacciatori di spie di Taiwan hanno lanciato indagini su circa 100 aziende cinesi sospettate di braccare illegalmente ingegneri di semiconduttori e altri talenti tecnologici. La notizia arriva in cima a sette procedimenti giudiziari dall’inizio dell’anno scorso e comprende 27 aziende che hanno fatto irruzione o i cui proprietari sono stati convocati per essere interrogati dalla polizia aid Taiwan.

Sede del gigante dell’industria TSMC e rappresentante il 92% della capacità di produzione di semiconduttori più avanzata del mondo, Taiwan possiede ciò di cui la Cina ha bisogno: esperienza sui chip a palate, riporta AF.

Una carenza globale di chip e l’obiettivo dichiarato di Pechino di raggiungere l’autosufficienza nei chip avanzati – promosso con più forza dal presidente cinese Xi Jinping dopo la guerra commerciale con la precedente amministrazione Trump – ha solo intensificato la corsa al talento ingegneristico. Taiwan ha risposto con la creazione nel dicembre 2020 di una task force all’interno dell’Investigation Bureau del ministero della Giustizia per affrontare questo tipo di spionavi industriale.

L’aumento della pressione militare da parte della Cina ha solo rafforzato la determinazione di Taipei a proteggere la sua supremazia di chip, un bene che è anche strategicamente importante per gli Stati Uniti, in quanto gran parte della sua produzione di chip è esternalizzata a Taiwan.

Non è illegale di per sé per le aziende cinesi assumere ingegneri taiwanesi. La legge taiwanese, tuttavia, proibisce l’investimento cinese in alcune parti della catena di fornitura di semiconduttori come la progettazione di chip e richiede revisioni per altre aree come l’imballaggio dei chip, rendendo molto difficile per le aziende cinesi di chip di operare nel paese legalmente.

Anche gli ingegneri taiwanesi sono liberi di andare in Cina, ma molti preferiscono la qualità della vita in patria, soprattutto mentre le restrizioni Covid-19 rendono più difficile viaggiare.

La serie di trucchi impiegati includono l’incorporazione di unità in paradisi fiscali come le Isole Cayman, rendendo più difficile identificare gli afflussi di denaro dalla Cina.

L’anno scorso le aziende cinesi di chip sono venute a corteggiare gli ingegneri taiwanesi con offerte di stipendio che erano due o tre volte i livelli locali. Tra i dipendenti più ricercati ci sono i progettisti Ic, che possono lavorare in remoto.

Mentre è difficile competere sul salario, le aziende locali mirano a fornire uno sviluppo di carriera a lungo termine più sicuro e vantaggi come asili, massaggi e palestre in loco. Diversi alti dirigenti di Tsmc che sono andati a lavorare in Cina sono stati bollati come traditori.

Maddalena Ingrao