CHIPWAR. Pechino punta sul computer quantistico per colmare il gap con gli USA

161

L’Istituto per la scienza e l’ingegneria quantistica di Shenzhen ha creato un Centro per i circuiti integrati e l’elettronica per condurre attività di ricerca e sviluppo sulla progettazione di circuiti integrati e su applicazioni quantistiche specifiche, come i moduli di controllo delle radiofrequenze e i dispositivi criogenici, per bypassare le sanzioni Usa.

Si tratta di un aspetto fondamentale per il futuro sviluppo delle industrie high-tech cinesi.

È inoltre una questione urgente ora che le restrizioni alle esportazioni verso la Cina, recentemente intensificate dal governo statunitense, si stanno espandendo dall’industria dei semiconduttori all’informatica quantistica, all’intelligenza artificiale e persino alle biotecnologie. Le unità di elaborazione centrale, Cpu, e altri circuiti integrati sono fondamentali per le prestazioni dei computer quantistici, riporta AT.

Le sanzioni relative all’informatica quantistica saranno probabilmente più ampie questa volta, ma non saranno nuove. A fine novembre 2021, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha limitato le esportazioni e altre relazioni commerciali con 28 entità e individui di Cina, Giappone, Pakistan, Russia e Singapore per aver intrapreso attività legate al calcolo quantistico ritenute contrarie all’interesse nazionale americano.

Per quanto riguarda la Repubblica Popolare Cinese, il Bureau of Industry and Security del Dipartimento ha dichiarato che: «Otto entità tecnologiche con sede nella Rpc sono state aggiunte alla lista come parte degli sforzi del Dipartimento del Commercio per impedire che le tecnologie emergenti degli Stati Uniti vengano utilizzate per gli sforzi di calcolo quantistico della Rpc che supportano applicazioni militari, come applicazioni contro-stealth e contro-sottomarini, e la capacità di rompere la crittografia o sviluppare crittografia infrangibile».

Eventuali nuove sanzioni imposte quest’anno o il prossimo metteranno i bastoni tra le ruote all’informatica quantistica cinese per scopi non militari, riducendo convenientemente la concorrenza per Ibm, Alphabet (Google), Microsoft, IonQ e altre aziende americane. Anche gli sviluppatori di calcolo quantistico in Canada, Giappone ed Europa dovrebbero trarne vantaggio.

Le potenziali applicazioni non militari dell’informatica quantistica includono la scienza dei materiali, la scoperta di farmaci, l’apprendimento automatico, l’ottimizzazione della logistica, la modellazione finanziaria e le previsioni meteorologiche. In breve, la questione riguarda più la competitività nazionale complessiva che la sicurezza nazionale in sé.

L’Istituto di Shenzhen per la scienza e l’ingegneria quantistica è stato formalmente istituito nel 2018 presso la Southern University of Science and Technology (SUSTech) dopo due anni di proposte e pianificazione. Le sue attività di ricerca e sviluppo riguardano: stati e materiali quantistici; simulazione e calcolo quantistico; misurazione di precisione e metrologia quantistica; teoria degli stati topologici quantistici; applicazione dell’ingegneria quantistica; circuiti integrati ed elettronica.

Come si legge sul sito web dell’Istituto: «In risposta alla strategia nazionale “guidata dall’innovazione”, Shenzhen ha attuato un “nuovo ciclo di innovazione e layout della strategia di sviluppo per accelerare lo sviluppo del centro internazionale di scienza e tecnologia per l’innovazione industriale” e ha lanciato il “Piano di movimento Top Ten” sull’innovazione scientifica e tecnologica all’inizio del 2017, che ha reso la scienza quantistica una delle dieci principali direzioni di sviluppo basate sulla strategia di sviluppo nazionale che elenca la “tecnologia quantistica” come una priorità”. L’Istituto di Scienza e Ingegneria Quantistica della Southern University of Science and Technology… è uno dei primi tre ‘Top Ten Fundamental Research Institutes’ costruiti a Shenzhen”».

L’Istituto pone «…uguale enfasi sulle ricerche fondamentali e sullo sviluppo industriale, dando priorità sia alle difficoltà scientifiche d’avanguardia nella scienza fondamentale, sia alla grande richiesta di tecnologia e industrializzazione di oggi».

Parlando alla Commissione centrale per l’approfondimento della riforma all’inizio di settembre, il Presidente Xi ha sottolineato l’importanza di mobilitare le risorse della Cina a livello nazionale per ottenere progressi nelle tecnologie di base. Ciò è coerente con il 14° Piano quinquennale cinese, che mira a promuovere lo sviluppo dei circuiti integrati, dell’intelligenza artificiale, dell’informatica quantistica e di numerose altre tecnologie avanzate fino al 2025.

Alla cerimonia di apertura del 20° Congresso nazionale del Partito Comunista Cinese, il 16 ottobre, Xi ha dichiarato che la Cina mira a diventare autosufficiente in campo scientifico e tecnologico e a diventare una delle nazioni più innovative del mondo entro il 2035.

La scelta di Xi di nominare Li Qiang come suo vice nel Comitato Permanente del Politburo supporta queste dichiarazioni.

Lucia Giannini